Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Uno studio italiano afferma che gli anticorpi sono persistiti 9 mesi dopo Covid-Epoca Negosios

Test Covid (Foto: © Reuters/Yves Hermann/Diritti riservati)

Uno studio italiano ha mostrato che il livello di anticorpi contro il Covid-19 è rimasto elevato per almeno nove mesi dopo l’infezione da Sars-CoV-2, sia nei pazienti asintomatici che in quelli asintomatici.

La ricerca è stata condotta dal gruppo di Andrea Crisanti, dell’Università di Padova, in collaborazione con l’Imperial College di Londra e pubblicata lunedì (19) sulla rivista scientifica Nature Communications. Lo studio è stato condotto in due fasi con oltre l’85% dei 3.000 residenti della città italiana di Vo’Euganeo: tra febbraio e marzo 2020, i volontari hanno effettuato dei test per rilevare i contagiati dal virus; Tra maggio e novembre sono stati sottoposti a test anticorpali.

I dati hanno mostrato che il 98,8% delle persone infette a febbraio e marzo aveva livelli rilevabili di anticorpi a novembre. Inoltre, hanno rivelato che non ci sono differenze tra coloro che hanno manifestato sintomi di Covid-19 e coloro che non lo hanno fatto.

I livelli di anticorpi sono stati rilevati utilizzando tre test per rilevare diversi tipi di anticorpi che rispondono a diverse parti del virus.

I risultati hanno anche indicato che, sebbene tutti i tipi di anticorpi abbiano mostrato una certa diminuzione tra maggio e novembre, il tasso di deterioramento era diverso a seconda del test eseguito.

In alcuni casi sono stati riscontrati anche livelli aumentati di difesa anticorpale, fenomeno che suggerisce che alcuni individui possano reinfettare il virus, stimolando il sistema immunitario.

“Non abbiamo trovato prove che i livelli di anticorpi tra infezioni asintomatiche e asintomatiche differiscano in modo significativo, suggerendo che la forza della risposta immunitaria non dipende dai sintomi e dalla gravità dell’infezione”, ha affermato l’autrice dello studio Ilaria Dorigati del Center for Global Analysis of Infection. . Malattie e l’Istituto Abdul Latif Jameel per l’analisi delle emergenze e delle malattie presso l’Imperial College.

READ  Il senatore propone di restituire 600 BRL per aiuti d'urgenza

Tuttavia, ha aggiunto l’esperto, lo studio mostra che “i livelli di anticorpi variano, a volte notevolmente, a seconda del test utilizzato”. “Ciò significa che occorre prestare attenzione quando si confrontano le stime dei livelli di infezione in una popolazione ottenuta in diverse parti del mondo, con test diversi in momenti diversi”. Infine, lo studio ha evidenziato l’importanza della vaccinazione contro il Covid nella lotta all’epidemia. “E’ chiaro che l’epidemia non è finita, né in Italia né all’estero. In futuro è fondamentale continuare a somministrare la prima e la seconda dose del vaccino, nonché rafforzare i sistemi di sorveglianza come il tracciamento dei contatti con il virus. “, ha concluso Dorigatti.