Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Uomo forte della McLaren e azionista dal 1984, Mansour Ojeh è morto all’età di 68 anni

Mansour Ojjeh è morto all’età di 68 anni

Foto: McLaren / Gran Premio

La McLaren ha annunciato, domenica mattina (6), la morte di una delle sue figure più importanti della storia. Mansour Ojeh, l’uomo d’affari franco-arabo, è morto all’età di 68 anni a Ginevra, circondato dalla sua famiglia, secondo il team di Woking.

“È con grande rammarico che la McLaren ha segnalato la morte di Mansour Ojeh, azionista della McLaren dal 1984. Ojjeh è morto pacificamente questa mattina a Ginevra, all’età di 68 anni, circondato dalla sua famiglia. Una dichiarazione completa deve ancora essere rilasciata All in e la squadra ha scritto: “McLaren sente la sua perdita con la sua famiglia, alla quale la squadra porge le sue condoglianze”.

Mansour Ojeh, uomo forte della McLaren e azionista dal 1984, è morto all'età di 68 anni

Mansour Ojeh, uomo forte della McLaren e azionista dal 1984, è morto all’età di 68 anni

Foto: McLaren / Gran Premio

Ojjeh era a capo del Gruppo TAG quando la holding lussemburghese formò nel 1985 una partnership con McLaren dopo i contatti avviati da Ron Dennis, allora general manager della squadra inglese. Fino a quel momento, Ojja era un investitore in Williams, che era la sua porta d’accesso alla Formula 1.

Insieme a Dennis, con il quale è diventato amico negli anni ’80, è stato uno dei volti del successo della McLaren a metà decennio. Inizialmente con motori marchiati TAG prodotti da Porsche, il team è stato tre volte campione: con Niki Lauda nel 1984 e Alain Prost nei due anni successivi.

Dal 1988 in poi è arrivata l’era del dominio dei motori Honda, con Ayrton Senna e Prost ancora una volta. La McLaren sarà anche due volte iridata con Mika Hakkinen, 1998 e 1999, e vincerà il mondiale 2008 con Lewis Hamilton, quest’ultimo con motore Mercedes.

Tre anni fa, nel 2018, Dennis ha venduto le ultime azioni rimaste della Mumtalakat Investment Company, di proprietà della famiglia reale del Bahrein, che è diventata l’azionista di maggioranza.

Una frittata è rimasta sempre più sfuggente da quando ha subito un trapianto di polmone nel 2013, e ha già lasciato il ruolo dirigenziale che aveva nella divisione F1 del Gruppo McLaren a luglio 2018 per snellire il telaio durante un rinnovamento. Nel 2020, con la ristrutturazione dell’intero team e la nomina di Zach Brown come CEO, Ojeh ha lasciato la posizione di manager della McLaren, ma è rimasto azionista. Suo figlio Sultan Ojeh ha ereditato la posizione nella squadra.

Mansour Ojeh, il famoso personaggio della McLaren dal 1984

Mansour Ojeh, il famoso personaggio della McLaren dal 1984

Foto: McLaren / Gran Premio

Anche Stefano Domenicali, attuale presidente e amministratore delegato della Formula 1, ha reso omaggio all’imprenditore. “Sono rimasto scioccato nell’apprendere che il nostro grande amico Mansour è morto. Era una persona di incredibile talento, passione ed energia che era un gigante nel nostro sport. Mi mancherà lui e l’intera comunità di Formula Uno”, ha scritto l’italiano in una nota. .

Anche la Mercedes, che è stata uno dei principali partner della McLaren per 20 anni tra il 1995 e il 2014 e che è tornata a fare affidamento sui motori tedeschi nel 2021, ha mostrato solidarietà dopo la morte dell’imprenditore. In una dichiarazione firmata da Ola Kallenius e Toto Wolff, l’impronta della tripla stella ha ricordato l’eredità lasciata da Ojjeh.

“Mansour era un’icona degli affari e aveva una profonda passione per le corse. Insieme a Ron Dennis alla McLaren, ha stabilito un nuovo standard per come dovrebbe essere gestito un team di Formula 1 e la Mercedes ha trascorso momenti speciali con lui per molti anni. Un combattente leale e amico. Ci mancherà molto. Le nostre più sentite condoglianze a Kathy. [esposa] e la tua famiglia”.

Ha parlato anche Lewis Hamilton, che è stato legato alla McLaren dall’infanzia fino a quando ha lasciato la squadra per la Mercedes alla fine del 2012. “Vado alla gara con il cuore triste a causa della perdita di un caro amico, Mansour Ojeh. Di cuore e sempre . Ha fatto i sorrisi più grandi. Sono così grato di incontrare un uomo così. Amo quest’uomo incondizionatamente. Riposa in pace fratello mio. Ti amo sempre. “

La Formula 1 ha annunciato che osserverà un minuto di silenzio in onore della morte di Og prima dell’inizio del Gran Premio dell’Azerbaigian, che si svolgerà alle 9 (Brasile, GMT-3).

Dai un’occhiata al canale Grand Prix su YouTube.

Segui il Gran Premio su Twitter Instagram.

READ  Borsa Italiana, commentando la seduta odierna (28 maggio 2021)