Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Vaticano. Il cardinale è stato catturato in una rete di azioni sospette



Il rapporto di Papa Francesco con il braccio finanziario del Vaticano, noto per la sua mancanza di trasparenza e disponibilità a ottenere denaro sporco, è stato a lungo conflittuale. Ma l’Alto Papa ha alzato l’asticella punendo dieci persone, tra cui il cardinale Angelo Pescio, 73 anni, che ricopriva una posizione chiave nella Segreteria di Stato della Santa Sede, una sorta di esecutivo vaticano, che sovrintende alle donazioni. In chiesa. Piccio, che si è dichiarato “vittima di un complotto”, è diventato, secondo l’AFP, il più alto sacerdote del Vaticano accusato di appropriazione indebita e abuso di potere.

Gli scandali di corruzione in Vaticano sono una storia molto antica. Ma questo particolare scandalo è iniziato nel 2014, con un investimento in un edificio a Chelsea, forse il quartiere più elegante di Londra, precedentemente noto come “The Village of Mansions”. 17.000 metri quadrati sono stati convertiti in cinquanta appartamenti di lusso, con i soldi del Vaticano, attraverso il Fondo Lussemburgo, di proprietà dell’imprenditore italiano Raffaele Mencioni, accusato con il cardinale Pecci.

La losca gestione dello sviluppo spinse il Vaticano ad acquistarlo interamente dopo quattro anni. Il denaro è stato utilizzato anche dall’Apollo di San Pietro, cioè donazioni dirette dei credenti, destinate alla carità, non alla speculazione, è stato letto nel processo organizzato da un avvocato in Vaticano, secondo l’American Jesuit Journal – prima che Piccio mettesse i soldi . Nel palazzo del Chelsea, aveva intenzione di investirlo con la compagnia petrolifera Falcon Oil, di proprietà dell’imprenditore Antonio Mosquito, che ha incontrato quando era ambasciatore in Angola, secondo il Financial Times.

READ  Soccorso d'emergenza: Caixa paga la seconda rata a un altro gruppo; Il termine per opporsi ai benefici annullati scade venerdì | primo soccorso

A peggiorare le cose, il prezzo della proprietà è stato notevolmente sopravvalutato, il che ha comportato il pompaggio di denaro nelle tasche degli intermediari e la scomparsa di centinaia di milioni di euro, secondo quanto riportato dalla stampa italiana.

Tuttavia, il caso ha rivelato una vasta rete di aziende losche, che riunisce investitori finanziari e leader di un’organizzazione che ha ammesso di avere un patrimonio stimato in 4 miliardi di euro nel 2019, la cifra più realistica che la chiesa abbia mai dato. Nel frattempo, il Vaticano ha annunciato sul suo sito web che l’inchiesta sul caso Becciu si era già estesa dal Regno Unito agli Emirati Arabi Uniti, al Lussemburgo, alla Slovenia e alla Svizzera.

La missione di Sisifo Quattro anni fa, papa Francesco, salito al rango di papa supremo con la promessa di ripulire le finanze della Chiesa, dichiarò che riformare il Vaticano era come “lavare la Sfinge con uno spazzolino da denti”. Tuttavia, il fatto che abbia autorizzato un atto d’accusa contro un personaggio nello stato di Becciu è visto come un segno che Francisco sta prendendo sul serio il lavoro.

Un rapporto di Moneyval, l’istituzione del Consiglio d’Europa che valuta i rischi di riciclaggio di denaro, pubblicato il mese scorso, ha rilevato che il Vaticano aveva adottato misure molto incoraggianti per fermare il riciclaggio di denaro da parte di terzi, avvertendo che erano necessarie ulteriori misure contro gli abusi interni. .