Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

C’è un nuovo braccio commerciale con gli Stati Uniti. Le scarpe italiane e spagnole possono risentirne, ma le portoghesi sono al sicuro

È un nuovo braccio commerciale tra Europa e Stati Uniti, già nell’era post-Trump. L’industria calzaturiera italiana e spagnola, tra le altre cose, potrebbe dover pagare commissioni aggiuntive per esportare negli Stati Uniti come un modo per vendicare le tariffe per i servizi digitali che alcuni paesi hanno deciso di applicare alle grandi aziende specializzate nel mondo di Internet come Google o Facebook. “Il Portogallo è totalmente ai margini di questo problema”, ha detto Expresso, una fonte che rappresenta l’industria calzaturiera, APICCAPS.

Tutto è iniziato nell’era Trump, nel giugno 2020, quando gli Stati Uniti hanno avviato un’indagine sulle tariffe digitali approvate in alcuni paesi, dal Regno Unito, ad Austria, Spagna, Italia, India e Turchia, tenendo presente che questa misura era coperto prima dell’articolo 301 del Commerce Act 1974 sulle “Commissioni di addebito alle società americane”. In pratica, le procedure di concorrenza statunitensi sono state applicate in modo approssimativo alle sue società tecnologiche, sostenendo che tutto dovrebbe essere definito nel quadro dell’OCSE, e hanno deciso di contrattaccare.

Attualmente, l’applicazione di tariffe speciali all’elenco delle merci provenienti da questi paesi è attualmente oggetto di consultazione pubblica negli Stati Uniti d’America, il che potrebbe significare tassi del 25% su prodotti come le scarpe prodotte in Italia e Spagna.

Nella fase pre-Covid (2019), gli Stati Uniti hanno importato oltre 1,5 miliardi di euro di scarpe dall’Italia e 220 milioni di euro dalla Spagna, che vedrebbe coprire quasi il 90% delle sue esportazioni di scarpe negli Stati Uniti con la nuova tassa, “dice il post. Lo specialista del settore calzaturiero internazionale.

“100% contro”

I principali distributori e rivenditori di calzature in America, un’associazione che rappresenta i dettaglianti e distributori statunitensi, hanno dichiarato che è “100% per ogni nuova tariffa”, ma il processo di consultazione pubblica sulla questione nel Paese prosegue, senza il previsto data di scadenza. Matt Priest crede che non sia altro che uno “strumento di contrattazione” per gli Stati Uniti per cercare di evitare le tasse che ritengono vengano applicate ingiustamente alle aziende del paese. “Se consideriamo che l’attuale governo vuole ristabilire le alleanze con i paesi europei, è difficile immaginare di applicare nuove tariffe. È chiaro che la Casa Bianca cerca un dialogo più ampio, più coerente e prevedibile”.

Ma se tutte le opzioni sono, per il momento, sul tavolo delle trattative per l’amministrazione statunitense, Priest afferma che sebbene la pressione negoziale sia in gioco, essa “influisce sugli affari, dato che basta la semplice minaccia dei dazi si sente un effetto immediato sull’eliminazione delle richieste. “

READ  Il tribunale italiano ordina l'arresto di un uomo d'affari in relazione allo scandalo vaticano - 04/12/2021

Alla fine, conferma, che nuove tasse o dazi “finiscono sempre per penalizzare il consumatore americano” e che il tempo per questo nuovo business wrestling “non potrebbe essere peggiore”, ha detto.

Attualmente, abbiamo un ambiente molto sensibile all’inflazione, poiché nella nostra economia vengono pompate enormi quantità di denaro per darlo ai consumatori. Abbiamo aumentato i costi e i ritardi logistici, poiché le linee navali attendono di scaricare nei porti della costa occidentale. La guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina ha già portato a un aumento delle tasse pagate dall’industria calzaturiera statunitense. Inoltre, il nuovo prezzo in questi tempi senza precedenti aggiungerà alla scena un sacco di pressione inutile “, ha affermato World Footwear.

5.600 posti di lavoro sono minacciati in Spagna

In Spagna, la Federazione spagnola delle industrie calzaturiere commenta che l’annuncio di questa potenziale sanzione “ha avuto un effetto immediato sull’industria del Paese: gli ordini con consegne programmate per agosto e settembre sono sospesi o annullati”. Se il tasso avanza, la federazione riconosce “danni irreparabili all’industria, in termini di calo di affari e occupazione”, in particolare nelle aree geografiche di concentrazione del settore, senza altre alternative industriali come Elda (Alicante) e Almansa (Al Basil ). “Stimiamo che 1.500 posti di lavoro diretti e 5.600 posti di lavoro indiretti potrebbero essere distrutti”, avverte il sindacato, il cui mercato principale è al di fuori dell’Unione Europea negli Stati Uniti (7% del totale o 3,5 milioni di paia) e che paga il prezzo medio al paio il più alto tra i suoi maggiori clienti.

Per l’Italia, Assocalzaturifici, l’Associazione italiana dei produttori di scarpe, “le azioni di ritorsione statunitensi in risposta alle tasse digitali che verranno introdotte da alcuni Stati membri dell’UE rappresentano un grande rischio per molti produttori di scarpe che esportano negli Stati Uniti e minacciano di interrompere i rimborsi delle mercato di esportazione al di fuori dell’Unione. “Secondo le nostre stime, dal 38% al 45% delle nostre vendite totali all’esportazione, per un totale di oltre 1 miliardo di euro nel periodo pre-pandemia del 2019, sarà gravemente influenzato da questa misura, se applicata come suggerito dal precedente governo degli Stati Uniti, dopo la fine delle indagini sull’articolo 301 sulla tassa sui servizi digitali in Italia “.

READ  Carta di credito senza pensione: il successo delle aziende fintech

Gli Stati Uniti sono ancora un obiettivo per il Portogallo

La Federazione italiana afferma: “L’unico risultato saranno prezzi più alti per i consumatori americani e un margine inferiore per le aziende in una fase molto delicata, quando la maggior parte delle economie occidentali tenterà di ripartire dopo le ripercussioni dell’epidemia”.

Portogallo, da APICCAPS a Expresso, fuori da questo problema. “Abbiamo un obiettivo prioritario negli Stati Uniti per i prossimi anni e crediamo che, dopo il controllo della pandemia, l’approccio che adottiamo nel paese possa fornire risultati molto interessanti per l’intera industria della moda”, ha affermato Paulo Gonsalves, APICCAPS Communications Direttore.

L’immagine della tensione tra Stati Uniti e paesi come Italia e Spagna potrebbe giovare alle aziende portoghesi? “Siamo ai margini di questa controversia. Quello che possiamo dire è che abbiamo il nostro sesto mercato negli Stati Uniti. È la più grande destinazione non comunitaria, insieme al Canada, e ha un valore di circa € 100 milioni in un paese non contesto epidemico e l’obiettivo è la crescita “, commenta.