Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Creato 80 anni fa, Atlântida dipinse un’immagine del Brasile da Chanchadas – 05/06/2021 – illustre

[resumo]80 anni fa nasceva lo Studio Atlântida, che con la chanchada – commedia musicale amata dal pubblico ma odiata dalla critica – divenne il primo caso di produzione industriale di massa nel cinema brasiliano, la cui eredità risuona ancora nella maggior parte dei film commerciali contemporanei, sebbene minacciata Oggi da la crisi in Cinemateca.

80 anni fa, l’incrocio tra spettacoli teatrali e suoni potenti della radio, unito alla voglia di fare cinema in una terra già dominata dai film stranieri, ha prodotto una potente reazione chimica e come primo momento in cui è stata fondata l’industria cinematografica brasiliana , un dialogo vivo, vivace e potente con il tuo pubblico. Era il periodo del carnevale di Chanchadas.

Il Carnevale di Carioca, simbolo della gioia che avvolge l’attesa della catarsi contro le malattie delle persone, trovava nei balli e nelle trasmissioni radiofoniche le munizioni per fare rumore.

Artisti della Rádio Nacional hanno lanciato sfilate che sono esplose nelle sale, mentre le star, in luccicanti costumi da bagno, hanno acceso il coro di spettacoli musicali in locali notturni e casinò.

Perché non mettere tutto insieme e portare la nostra cultura più autentica nei cinema, invece di venerare il prodotto importato proveniente da MGM, Warner e altri studi di Hollywood?

Fu questa riflessione che portò Moacyr Fenelon di Minas Gerais e Jose Carlos Burle di Pernambuco, pionieri del cinema brasiliano, all’avventura, nel 1941, di creare quello che sarebbe diventato il più importante studio brasiliano per i successivi vent’anni, Atlântida Cinematográfica.

Oltre che un prodotto frettolosamente fabbricato pensato per persone poco istruite e prive di spettacoli patriottici, Atlantide può oggi essere considerata il cuore dell’antropomorfismo di Oswald, che pochi studiosi in materia si sono presi la briga di considerare.

All’inizio degli anni ’40, il Brasile stava attraversando un momento ambiguo. Getúlio Vargas era un sincero ammiratore di Adolf Hitler e del suo modo di guidare la nazione tedesca. Tuttavia, i suoi consiglieri pensavano che sarebbe stato saggio armonizzare il Brasile con la cultura americana, più energia solare, democrazia e musica. Quello è stato il momento in cui Carmen Miranda è diventata l’ambasciatrice per il Brasile nella terra dei sogni di Hollywood e anche quando Walt Disney è venuto nel paese per portare il costume Carioca.

La Germania era troppo lontana e troppo pericolosa per i brasiliani. Il sole della California splendeva più luminoso nei cinema, e i grandi musical con Fred Astaire e Ginger Rogers erano più belli e felici dei documentari di Lenny Riefenstahl. Per un normale brasiliano era meglio sognare che affrontare un mondo che crolla dall’altra parte dell’oceano.

READ  Braulio Pisa, il poeta che condivide l '`` incontro' ', viene arrestato con Covid-19

Atlântida, oltre all’intenzione di promuovere il prodotto nazionale, aveva il desiderio di promuovere un forte circolo di distribuzione e fornitura. Burle e Fenelon volevano che il film brasiliano fosse proiettato nello stesso numero di sale dei prodotti importati.

Hanno assunto il miglior cast sul mercato. Dalla radio fenomeni come Emilinha Borba, Ivon Curi, Francisco Carlos, Adelaide Chiozzo, ecc. Per l’All-Star Team, Renata Frunze, Eliana Macedo, Jose Lugui, Jorge Doria, solo per citarne alcuni.

All’inizio, Atlantide era interessata a tentativi di dialogo diretto con i problemi sociali della gente. Il suo primo romanzo, “Moleki Tiao” (1943), è la storia di un ragazzo di colore che viveva tra la povertà di una collina e la polifonia dell’asfalto. Era una biografia del suo eroe, il grande Otello.

Presto, con l’arrivo del regista Watson Macedo nella squadra, i film iniziarono a sintetizzare spettacoli popolari e trasformarli in commedie musicali. Da questa fase iniziale spiccano “No Adianta Chorar” (1945) e “Segura esse Mulher” (1946).

Riciclando il modello Cinédia, la formula si rivela semplice e precisa. Una storia quotidiana con poche battute in costume, tante sfilate da salone, palline colorate, fumo di ghiaccio secco: questi sono i segni inconfondibili di Atlantide.

I critici generalmente hanno ricevuto i film musicali di carnevale con ostilità. Erano indicati come chanchadas, un termine peggiorativo che si riferiva a prodotti a basso budget senza qualità tecnica, estetica o narrativa. Il termine era una perversione della parola “cianciatta” dall’italiano, che significa definitivamente “follia”.

Tuttavia, il pubblico non era interessato alle opinioni della critica e onorava calorosamente i propri idoli con ogni nuova uscita, completando la serie di produzione che diventava sempre più frenetica, poiché i dirigenti dovevano valutare attentamente quali sarebbero stati i risultati del prossimo carnevale per sviluppare il prossimo carnevale. Storie, scegli il cast di musicisti e attori e prepara tutto per la prima del film in tempo per rilasciare le tendenze della stagione.

Come annota Sergio Augusto nel suo ormai classico Esse Mundo É um Pandeiro: A Chanchada de Getúlio a JK (1988), se il carnevale fosse caduto a fine febbraio, a novembre dell’anno precedente, tutto sarebbe andato per il verso giusto.

E così, con piccole squadre e pochi soldi, i film spesso rinunciano a complessità più grandi e si accontentano di banalità. Musica, altra musica, barzellette, altra musica, dolce romanticismo, gran numero finale, e basta.

READ  ELF CIV presso Eleven Sports. La nuova stagione inizia il sabato del MUGELLO

Non solo le formule fisse, però, vivono le Chanchadas di Atlantide. Nel 1948, dopo che il regista italiano Riccardo Frieda trascorse un po’ di tempo a Rio, quando diresse “Caçula do Barulho”, i produttori dello studio scoprirono un nuovo ingrediente che avrebbe fatto la differenza, il pestaggio.

Da questo lievito è nato “Carnaval no Fogo” (1949), scritto in parte da Anselmo Duarte e diretto da Watson Macedo. Il film ha rivoluzionato il genere, introducendo trame come cambio di identità, inseguimenti, enigmi e, naturalmente, molte canzoni e risate. Carnaval no Fogo ha cementato la coppia archetipica (Anselmo Duarte ed Eliana Macedo), il cattivo psicotico (José Lugoy) e il sollievo comico (il duo Oscarto e Grand Otello). Ha anche definito il punto di equilibrio organico tra musica e lavoro.

L’intrattenimento popolare era più antipatico alla critica, ma con grandi pretese, mentre il pubblico lo accettava bene, nonostante le continue recensioni.

Atlantida ha anche generato parodie creative delle produzioni di supereroi di Hollywood, soprattutto dopo l’arrivo di Carlos Manga, ex assistente di Burle, che nel 1954 diresse “Nim Sansau, Nim Delilah”, con Oscarito nei panni dei fumetti di Samsau, e “Matar au Kurier”, un Western che ha parodiato il classico “Kill or Die” (1952).

Sfortunatamente, ogni carnevale ha la sua fine. Il paese subì drastici cambiamenti durante gli anni ’50, poiché molti artisti emigrarono verso la nuova ossessione di massa, la televisione. Il suicidio di Vargas e le turbolenze politiche ed economiche che precedettero il golpe militare del 1964 distrussero l’innocenza del popolo. I fumetti ingenui di Shanshada sono diventati molto frequenti. Marchine aprì la strada alla bossa nova e alla giovane guardia.

La fine finale di questo genere è avvenuta Con l’arrivo di una nuova troupe cinematografica, che ha trasformato l’arte cinematografica in Brasile nei primi anni ’60, sfruttando un’estetica senza trucco e temi sterili e urgenti. I nuovi registi hanno dovuto “uccidere il padre” per stabilire un nuovo stile.

Hanno lanciato il cinema critico, che ha arricchito le riflessioni su un paese umiliante e umiliante, ha vinto premi e ha mostrato il Brasile al pubblico di tutto il mondo, ma ha alienato il pubblico internamente dalla sua corte.

Nel 1975, Carlos Manga ha reso omaggio ai suoi insegnanti nel documentario “Assim Era a Atlântida”, che ha recuperato estratti di film sopravvissuti a un incendio e un’inondazione nei magazzini degli studi anni prima.

READ  "365 Dni" Michel Moroni racconta come si sente a 30 anni

L’eredità della Chanchada brasiliana risuonerà ancora nelle commedie erotiche degli anni ’70, che gli stessi critici chiamavano pornochanchadas: dal porno non avevano nulla, ma abusavano della loro mascolinità e delle battute crude. Il genere, inizialmente volgare, ha avuto il suo sottotesto e contesto storico nel documentario “Histórias que Nosso Cinema (not) Told” (2018), di Fernanda Pessoa.

Nella cronologia del cinema nazionale, dagli anni 2000 in poi Abbiamo assistito a un aumento della produzione di commedie tratte da prodotti in scatola prodotti dalla televisioneche porta al cinema l’elenco dei celebri interpreti di sitcom e fumetti orientati al pubblico, un movimento simile a quello della migrazione dalla radio al teatro rivista negli anni Quaranta.

Il genere è già stato nominato dalla piccola bocca di neochanchadas. Questo termine è seducente, ma non è corretto, perché basta guardare con attenzione alla maestria che ci ha lasciato Paulo Gustavo, o controllare le opere con il timbro di Porta dos Fundos, per capire che sono prodotti con grandi budget, che generano ripercussioni, trattenendo una parte del pubblico che può sentirsi invitata ad apprendere prodotti nazionali più complessi. Chiamarlo chanchada significherebbe ripetere le critiche agli antenati e sminuirne l’importanza comunicativa ed economica.

Non molto tempo fa, è stato possibile rivedere gran parte del patrimonio di Atlantide nella banca di contenuti culturali di cinema brasiliano. Tuttavia, il servizio è stato interrotto per circa un anno, dopo un’interruzione di corrente che ha spento le apparecchiature che mantengono il gruppo online.

Sollecitando misure urgenti, l’attuale ministro nazionale della Cultura, Mario Frias, è un artista fallito e risentito, che preferisce bloccare i cittadini che lo criticano sui propri social network. Se la codardia ti fa seguire letteralmente la distruzione della cultura in cui è caduto il tuo capo negando, è bene non dimenticare che i tuoi capi sono quelli che pagano il tuo stipendio con le nostre tasse.

Non resta che ringraziare coloro che hanno costruito il nostro patrimonio audiovisivo e rifiutare coloro che odiano vederci con il sorriso sulle labbra e una piccola marcia in testa.