Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Gentiloni: Bruxelles presenta una proposta di tassazione digitale a fine giugno, inizio luglio – tasse

La Commissione europea presenterà la sua proposta di tassare l’economia digitale “a fine giugno, inizio luglio”, come ha rivelato oggi il commissario economico Paolo Gentiloni, sottolineando che la priorità dell’Unione europea resta un “accordo globale”.

In un’intervista a Lusa e altri media europei a Bruxelles, e nell’affrontare la questione delle nuove risorse private per consentire all’Unione europea di estinguere i debiti comuni che la Commissione si appresta a contrarre sui mercati per finanziare un pacchetto di recupero di 750 miliardi euro, Gentiloni ha sottolineato che la Commissione ha “un obbligo nei confronti del Parlamento europeo e del Consiglio”. Proponendo una tassa digitale “.

Il commissario italiano ha sottolineato che “ci sono due cose che devono essere chiarite con forza”. Ha iniziato con la prima, affermando che la priorità dell’Unione europea “è continuare a lavorare per un accordo globale”, e lo ha ribadito “dopo il cambiamento negli Stati Uniti. L’amministrazione “, la Commissione” è molto ottimista sulla possibilità di raggiungere una soluzione di compromesso sotto la Presidenza italiana del Gruppo dei Venti “e ha proseguito:” Allo stesso tempo, la proposta su cui stiamo lavorando sarà non minano in alcun modo un accordo globale “, ed è passato al secondo aspetto, che ha voluto chiarire” in modo molto chiaro “.

Secondo Gentiloni, la proposta che sarà presentata da Bruxelles in circa un mese e mezzo potrebbe “semplificare una situazione in cui ci sono cinque o sei leggi diverse in paesi diversi”, rilevando che questo è lo scenario peggiore possibile per un’azienda, che è soggetto a “tasse doppie, triple o quadruple”.

“Pertanto, dopo la valutazione dell’impatto in corso, presenteremo questa proposta alla fine di giugno, all’inizio di luglio, nel contesto di un pacchetto di risorse speciali per ripagare i nostri debiti condivisi”, ha affermato, insistendo sul fatto che la proposta della Commissione “sarà pienamente compatibile con l’accordo internazionale “e non ci saranno sovrapposizioni”.

READ  Caixa Tem prevede di lanciare prestiti fino a 300 BRL per gli utenti

Infatti oggi, in risposta alla decisione sfavorevole della Corte di giustizia europea alla Commissione in un caso di presunto aiuto governativo illegale concesso dal Lussemburgo al gigante tecnologico Amazon, il vicepresidente esecutivo della Fondazione con il portafoglio della concorrenza, Margrethe Vestager, ha indicato che Bruxelles ” utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per contrastare le pratiche fiscali. “Ingiuste”.

Notando l’avvicinarsi della conclusione di uno “storico accordo globale sulla riforma del quadro internazionale per la tassazione delle imprese”, a livello dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, sulle tasse globali adattate a un’economia sempre più globalizzata e digitalizzata., In modo che le aziende che beneficiano di il mercato unico digitale può contribuire in modo equo al bilancio dell’Unione europea.

Lo scorso marzo, il ministro delle Finanze Joao Liao, che presiede il Consiglio dei ministri delle finanze dell’Unione europea (Ecofin) questo semestre, si è detto “estremamente ottimista” per un accordo globale sulla tassazione dell’economia digitale, a livello OCSE. l’UE dovrebbe essere pronta ad andare avanti da sola come “ultima risorsa”.

“Siamo molto ottimisti sulla possibilità di raggiungere un accordo entro la metà dell’anno”, ha detto Liao, riconoscendo che gran parte di questo rinnovato ottimismo è dovuto al “cambiamento importante” nella posizione dell’amministrazione statunitense, che ora è guidata dal presidente. Joe Biden.

Riaffermando che tassare l’economia digitale, comprese le grandi aziende tecnologiche, è una “priorità assoluta nell’agenda della presidenza portoghese” del Consiglio dell’Unione europea, soprattutto nel contesto dell’attuale crisi causata dalla pandemia di Coronavirus-19, che l’Unione cerca fonti Altri finanziamenti, o risorse proprie, il Ministro è stato felice di scoprire in Consiglio Ecofin che “tutti gli Stati membri restano impegnati nel processo di negoziazione in corso tra l’OCSE e il G20”.

READ  Ferrari sfoggia in passerella i suoi ultimi modelli (e non stiamo parlando di auto) | moda

All’epoca disse: “Penso anche che, come ultima risorsa, se non vi è alcuna possibilità di un consenso internazionale, l’Unione europea dovrebbe considerare di andare avanti e progettare la propria soluzione”, rilevando che il termine per la conclusione dei negoziati è la fine della presidenza semestrale portoghese del Consiglio. Unione europea “, cioè la fine di giugno.