Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il corpo di Eva Wilma è stato sepolto domenica (16 anni) all’SP – Entertainment

L’attrice Eva Wilma, 87 anni, è stata sepolta nel tardo pomeriggio di domenica (16 anni), a San Paolo. La cerimonia era riservata a familiari e amici e il luogo non è stato rivelato. I parenti più stretti volevano la privacy ed era anche una misura per non generare folle di fan.

Eva Wilma è morta sabato sera (15) di cancro alle ovaie Scoperta di recente. È stata ricoverata all’ospedale Israelta Albert Einstein. Il 10 gennaio è stata ricoverata in ospedale per polmonite e pochi giorni dopo è stato rilevato un cancro alle ovaie.

un sentiero

L’arte ha fatto parte della vita di Eva sin da quando era giovane. All’età di quattordici anni lavorava già come ballerina classica.

Dalla danza, ha iniziato ad avere una possibilità a teatro, partecipando a innumerevoli spettacoli. All’inizio della sua carriera, ha realizzato classici come Hamlet, Edipo Rei e A Canção para Bernadette e Casa de Bonecas.

Al cinema, ha debuttato nel 1953 quando il regista italiano Luciano Sals l’ha invitata al film Uma Pulga na Balança. Ha realizzato film come Murder in Copacabana, A Sogra, O Quinto Poder, A Ilha, São Paulo S / A e Asa Branca – A Brazilian Dream, City Sign e Neighbor’s War. La sua ultima produzione sul grande schermo è stata Minha Mãe, Minha Filha, del 2018.

È apparsa per la prima volta in televisione quando ha partecipato alla serie Valentine of São Paulo, di Cassiano Gabus Mendes, su TV Tupo, nel 1953.

La produzione è stata poi adattata per diventare Alô, Doçura! Ispirato dal successo di I Love Lucy. Eva è diventata la protagonista con Mario Sergio e nella serie l’attore è stato sostituito da John Herbert.

READ  Si stava preparando per un affascinante ritorno con i film di chiusura - Intrattenimento

Eva e Herbert si sono sposati nel 1955 e sono rimasti insieme fino al 1976. Hanno avuto due figli: Vivian e John Herbert.

La serie ha avuto un tale successo che la coppia è diventata uno dei film più caldi della televisione brasiliana.

Alla Record, Eva ha recitato in serie insieme a suo marito, come Comédia Carioca e Prisoner of a Dream.

Negli anni ’60, ha anche interpretato ruoli importanti in produzioni come Ana Maria Meu amor, Fatality e Ang andstia de Amar, una serie TV basata su What Happened to Baby Jane? E O Amor Tem Cara de Mulher, per il quale è stata acclamata.

Negli anni ’70, ha ottenuto successi come Meu Pé de Laranja Lima, interpretando i gemelli Ruth e Raquel nella prima versione di Mulheres de Areia e Dinah, vivendo anche nel primo adattamento della soap opera A Viagem.

Eva ha lavorato con l’attore e regista Carlos Zara, che ha sposato nel 1979. Sono rimasti insieme per 23 anni, fino alla morte di Zara nel 2002.

Nel 1980, Globo ha assunto Eva Wilma, presentando serie come Plumas, Paetês, Elas por Elas e Ciranda de Pedra. In questo decennio ha presentato opere straordinarie come Guerra dos Sexos, in cui visse Barbara Guera, e Sassaricando, un romanzo in cui interpretava Penelope Basilar e Kyu Ri Soo O? Dove visse Marquesa d’Ango.

Negli anni ’90 ha dato vita a uno dei suoi ruoli più amati, la cattiva Maria Altaeva, di Endomada, con la sua famosa frase “Oxente, oh mio Dio”. Ha anche presentato serie come O Rei do Gado, História de Amor e Pátria Minha.

Un altro personaggio accattivante dell’attrice è stato Tia ris, dalla serie TV Fina Estampa, nel 2011. Nel 2014, ha attirato l’attenzione come l’alcolista Fábia, da Verdades Secretas.

READ  Il caricamento licenzia tutti i suoi dipendenti e non avranno più una rete

L’ultima serie di Eva è stata O Tempo Não Para, del 2018, mentre la sua ultima apparizione in TV è stata su Os Experientes, del 2019.

A teatro, ha recentemente recitato in What Will Happen to Baby Jane? , Insieme a Nicette Bruno, scomparsa dal Covid-19 nel 2020. Il montaggio ha ottenuto enormi consensi.

Eva ha ottenuto un premio per la sua interpretazione dall’inizio della sua carriera, dopo aver ottenuto riconoscimenti per i suoi oltre 60 anni di successo.