Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il segreto della “porta dell’universo” nella Città Santa | scienza e salute

La città santa di Anuradhapura in Sri Lanka, è un luogo improbabile che possa essere l’ambientazione di un’affascinante storia di oggetti volanti e altri eventi banali.

Conosciuto localmente come Rajaratta (Terra dei Re), questo sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO è il primo regno fondato sull’isola (nel 377 aC) e si trova nel cuore della cultura buddista dello Sri Lanka.

Oggi è uno dei luoghi più visitati a livello nazionale, attirando devoti pellegrini da tutto il paese verso antichi templi buddisti e gigantesche torri a forma di cupola (monumenti).

Ranmasu Uyana è un ex parco di 16 ettari che comprende le rovine di padiglioni balneari. Foto: Turismo dello Sri Lanka via BBC

Ma questa città santa ospita anche qualcosa di ancora più curioso. Qui, a Ranmasu Uyana (Golden Fish Park), un antico parco urbano di 16 ettari circondato da tre templi buddisti, c’è un’iscrizione che dovrebbe essere una mappa per svelare i segreti dell’universo.

L’impalcatura Shaqraya (che si traduce in “il ciclo dell’universo”) ha un diametro di circa 1,8 metri ed è scavata nella superficie di una roccia tra le rovine del parco protetto. La facciata anteriore è visibile solo dal piano terra.

Infatti, quattro sedili sono scavati nella superficie rocciosa piatta davanti al cruscotto, fornendo un’area di visione ideale.

Sia l’iscrizione che i banchi, anch’essi di oscura origine, incuriosiscono storici, archeologi e studiosi da più di un secolo.

“Ranmasu Uyana è in uso da molto tempo nella storia”, afferma Raj Somadeva, professore di archeologia alla Kelaniya University in Sri Lanka.

“La seconda grande fase di sviluppo sembra essere iniziata nel VII secolo d.C. Durante questo periodo, furono aggiunti diversi nuovi edifici alla disposizione del giardino precedente. Nulla a riguardo è menzionato in nessuno dei documenti storici, che sono meticolosamente codificati da monaci buddisti”.

Sebbene si sappia poco del dipinto e del suo scopo, l’iconografia non corrisponde ad altri rilievi del periodo Anuradhapura (3-10 secoli d.C.).

Il centro del grafico è costituito da sette cerchi concentrici divisi da linee parallele orizzontali e verticali. Le camere rettangolari contengono piccoli cerchi che si intersecano.

Per l’occhio principiante, ci sono forme che ricordano ombrelli o arco e frecce, un aquilone, linee ondulate e forme cilindriche. L’anello esterno rappresenta animali marini: pesci, tartarughe e cavallucci marini.

Rispetto ad altre sculture dello stesso periodo, come Sandakada Pahana, che raffigura viti, cigni e fiori di loto, tutti elementi tipici dell’iconografia buddista, il dipinto non ha un contesto religioso, cioè non ha un chiaro spiegazione del perché. Questo.

Questo lo ha lasciato completamente aperto alla speculazione online. Prima dell’avvento di Internet, il disegno ha suscitato scarso interesse in Sri Lanka.

Sakwala Chakraya è stato interpretato in molti modi: come una mappa cosmica, un portale stellare e un progetto di costruzione. Fotografia: Sahan Pereira, BBC

Si ritiene che sia sopravvissuto qui, nascosto sul bordo di una roccia, dopo la caduta del regno di Anuradhapura; Niente di eccezionale rispetto ai suoi pittoreschi dintorni, come i cosiddetti laghi doppi e i padiglioni balneari che avrebbero potuto essere utilizzati dai re.

In effetti, se gli alieni fossero arrivati ​​sulla Terra qui, non avrebbero potuto scegliere una posizione migliore: l’area del tempio sacro, circondata da una fitta foresta tropicale, disabitata e protetta dalle autorità.

Il primo ricercatore a notare il significato archeologico dell’iscrizione fu HCB Bell, un funzionario del governo britannico nominato Commissario per le Antichità di Ceylon (ex Sri Lanka).

Bell includeva una descrizione della piastra nel suo rapporto del 1911 al governatore di Ceylon, in cui concludeva: “Questa antica mappa del mondo, forse la più antica esistente, è di straordinaria importanza. La sua esistenza … testimonia l’antichità. Astronomico la conoscenza è ancora richiesta in alcuni monasteri buddisti di Ceylon”.

Sebbene il diagramma non assomigli a una mappa in senso moderno, Bell scrive che rappresenta “un’antica mappa cosmica che illustra le più semplici concezioni buddiste dell’universo”.

Interpreta i cerchi, i simboli e la vita marina nel grafico, in base alla sua conoscenza del buddismo insulare, come la Terra, i mari, lo spazio esterno e l’universo.

Mentre le discussioni sull’app per molti anni sono state limitate principalmente al mondo accademico a causa della sua posizione storicamente significativa, la proliferazione della condivisione di immagini sui social media negli ultimi anni ha messo il mistero sotto i riflettori globali.

I turisti con gli occhi da falco hanno notato somiglianze tra il dipinto di Anuradhapura e siti storici simili in altri paesi che alcuni considerano i cancelli stellari – antichi portali attraverso i quali gli umani potevano entrare nell’universo.

La loro teoria è che l’iscrizione contenga il codice segreto per aprire il cancello.

Globo Reporter svela la bellezza dello Sri Lanka

I teorici della cospirazione hanno notato che la “porta delle stelle” ad Anuradhapura aveva forme e simboli quasi identici a quelli di Abu Ghorab, in Egitto, e alla Porta di Hyu Marka, in Perù.

La somiglianza più sorprendente, hanno detto, quando le speculazioni sullo Stargate in Sri Lanka erano al culmine, era la sua vicinanza all’acqua.

Il vicino bacino idrico di Tissa Wafa, costruito nel 300 a.C., è stato rilasciato come prova conclusiva, poiché anche l’Abu Crow e il cancello Hayu Marka sono stati costruiti vicino all’acqua, il che, secondo la teoria dello stargate, ha permesso agli alieni di elaborare l’oro dalle acque della Terra.

Questa teoria è rafforzata dalla vicinanza del dipinto al Monte Danigala, noto anche come Montagna Aliena, nella vicina città santa di Polonnaruwa.

Danigala, situata nel profondo della giungla e popolare tra gli appassionati di trail, ha una forma arrotondata unica e una parte superiore completamente piatta.

Ciò ha portato gli investigatori online a concludere che la montagna doveva essere stata utilizzata, in passato, per l’atterraggio di UFO.

È interessante notare che, secondo Sri Abiwikrama, una guida turistica locale, “la gente del posto crede che il Monte Alien attiri più meteore, tuoni e fulmini sopra di esso che altrove.

Tuttavia, secondo Sumadeva, “ci sono poche tracce archeologiche che indicano che si tratta di una porta stellare”.

Invece, ritiene che la conclusione più ragionevole sia che il dipinto sia un’antica mappa del mondo, ha suggerito Bell, perché questa interpretazione ha un contesto logico cosmologico e religioso, dato il periodo e il luogo nel tempo.

Secondo Sumadeva, “dal 250 a.C. almeno, i cingalesi avevano un’idea chiara degli oggetti nel cielo e nello spazio”.

“Nelle più antiche iscrizioni Brahmi, rinvenute in Sri Lanka, ci sono molti nomi riferiti a stelle e concetti specifici legati all’astronomia.”

“Una delle iscrizioni a Kirinda, un sito storico e religioso sulla costa meridionale dello Sri Lanka, contiene le parole ‘aparimita loka datuya’, che significa ‘l’universo infinito’. Ciò indica che la persona che lo ha registrato aveva un’ottima conoscenza della natura dell’universo in cui viveva.” .

Tuttavia, Shireen Almendra, professoressa di paesaggi all’Università di Moratuwa in Sri Lanka, offre una prospettiva diversa e più fondata.

“Penso che Sakwala Chakraya sia il modello per un progetto complesso che è simile alle enormi torri che venivano costruite in quel momento”, dice.

“Tendo a pensare che fosse una fabbrica di Sigiriya.”

Sigiriya è una delle attrazioni antiche più famose dello Sri Lanka, una fortezza rocciosa del V secolo aC piena di acqua corrente, giardini paesaggistici e varie stanze.

Si trova a mezz’ora da Anuradhapura, nel triangolo culturale dello Sri Lanka, che comprende tre importanti città antiche: Anuradhapura, Polonnaruwa e Kandy.

“Considerando che i sedili scolpiti nella parte anteriore del cruscotto si guardano un po’ l’uno verso l’altro, mi fa pensare che fosse un luogo di discussione, un vecchio studio di architettura, se vuoi”, dice.

“Se le panche fossero state costruite per scopi religiosi, come la meditazione, sarebbero state dritte”.

Secondo Sumadeva, la sfida più grande nel determinare la funzione del grafico è stata la mancanza di prove per datarlo correttamente.

Sebbene Ranmasu Uyana e altri parchi e torri di Anuradhapura siano menzionati in documenti e iscrizioni risalenti al 250 aC, Sakwala Chakraya non è descritto in alcun documento storico.

“C’è stato sicuramente un uso pratico per questo diagramma”, dice, “ma è difficile dire cosa avrebbe potuto essere quando non possiamo datarlo correttamente”.

In quanto tale, il misterioso “stargate” dello Sri Lanka sembra rimanere avvolto nel mistero: il suo scopo e il suo significato sono ancora persi nel tempo.

Tuttavia, lo status di culto appena acquisito tra gli appassionati di fantascienza ha finalmente dato alla commissione la meritata attenzione del pubblico.

Con il loro entusiasmo e il potere dei social media, Sakwala Chakraya è finalmente emersa dalle ombre della potente Anuradhapura per brillare da sola.

Video: altre notizie su scienza e salute

READ  Un sottomarino indonesiano con 53 persone a bordo scompare a Bali | Scienziato