Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La donna decide di isolarsi nell’Artico

Valentina Miozo è andata nell’Artico durante le epidemie di Kovit-19
Foto: Valentina Miosso / Viaggio libero

Per la maggior parte di noi, infezione significa solitudine compulsiva. Ma è stata un’opportunità per altri di scoprire quella solitudine. Quale posto migliore che essere nel Circolo Polare Artico? L’italiana Valentina Miozo è volata a nord della Norvegia – nel Circolo Polare Artico – non solo nel bel mezzo della peste, ma durante le notti polari della durata di 24 ore.

“Dicembre e gennaio sono due mesi di oscurità”, ha detto. Miyoso, dell’Emilia Romagna, nel nord Italia, ha avuto la sua vita sconvolta da un’epidemia.

Guida naturalistica ed escursionistica, viaggia spesso all’estero con italiani; Ha anche scritto di viaggi regolari in Italia e ha diretto il popolare blog Viagra Libera. “Tutto era orientato al turismo”, dice. “La mia vita era sempre in viaggio. Stavo lontano da casa per sei mesi all’anno”.

Finché non arriva l’infezione. Come molti nel settore del turismo, la vita di Miyo si è bruscamente interrotta. Incapace di lavorare, ha continuato a scrivere per il blog e ha fatto pubblicità online. Ma dopo che l’Italia ha superato le serrature più dure del mondo e ha riaperto nell’estate del 2020 per controllare il virus, le gambe hanno ricominciato a prudere.

Quindi, quando ha avuto l’opportunità di andare al circolo polare artico per gestire una locanda tramite Instagram a settembre, non ha avuto dubbi.

“Ho paura? No, ho visto questa come una bella opportunità per visitare posti che non ho mai scelto di possedere”, ha detto.

“Dato che non posso più fare i miei viaggi, è un modo per fare e vivere un viaggio realistico, ovviamente, in modo più sostenibile, ma non conosco una parte del mondo che mi ha affascinato”.

Nel giro di due giorni accettò; Un mese dopo, arrivò a Kongsford, a circa 3.862 chilometri a nord della sua vecchia casa vicino a Modena, in Italia.

Modena è conosciuta per le sue 185.000 città, la sua gastronomia, il cibo stellato Michelin (dove si trova Massimo Potura) e la cattedrale del XII secolo.

La donna racconta come è stato vivere due mesi nell'oscurità dell'Artico
La donna racconta come è stato vivere due mesi nell’oscurità dell’Artico
Foto: Valentina Miosso / Viaggio libero

D’altra parte, ci sono solo 28 persone a Kongsford, nessuna architettura medievale.

READ  Chi sono i tre brasiliani che potrebbero diventare campioni e perché hanno deciso di difendere l'Italia

“Il supermercato più vicino è a 40 chilometri di distanza”, ha detto Miyoso. “L’ospedale più vicino è a circa 321 chilometri e l’aeroporto, piccolo e locale, è a 40 chilometri”.

“In inverno c’era vento e neve ovunque a 120 km/h, il che rendeva difficile muoversi”. I residenti entrano nel supermercato ogni settimana o due finché le strade non sono libere. La strada per l’aeroporto e il supermercato a Berlow è una tortuosa strada costiera, circondata da rocce; In caso di maltempo, è impossibile.

Notti buie, molto buie

“Sapevo che sarei andato in un posto molto isolato, sono stato avvertito. Sapevo che era grave, sapevo di essere nella tundra artica, ma non ero mai stato in Norvegia. Poco dopo il mio arrivo, sono arrivate le notti polari”.

Tuttavia, pronta a tutto, non era intimidita dall’oscurità 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

“È stata un’esperienza meravigliosa, vivere nella completa oscurità per due mesi. Non mi ha dato fastidio, infatti, è difficile vivere con la luce.

Sì, la luce del sole è disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Da metà maggio a metà luglio, Kongsford si bagna al sole di mezzanotte. “Non c’è tramonto per due mesi e il corpo non accetta che sia notte quando il sole sorge, quindi è difficile addormentarsi”, ha detto.

Ma a parte questo, non c’è irritazione; In effetti, è un bellissimo modo di vivere. Dice che il clima estremo gli ha insegnato qualcosa di molto importante. “Quando vado nei paesi più caldi, prendi energia dall’esterno, dagli altri, dal tempo, dall’atmosfera. Tu comunichi con gli altri”.

“Quando sei completamente isolato in un posto come questo, quello che stai imparando a fare è scoprire l’energia dentro di te. E questa è una scoperta incredibile, soprattutto quando devi svegliarti in assenza di luce per due mesi”, ha ricordato.

La donna italiana ha saputo innamorarsi di uno stile di vita lontano e di un contatto intenso
La donna italiana ha saputo innamorarsi del modo di vivere lontano e dell’intenso contatto con la natura
Foto: Valentina Miosso / Viaggio libero

Cultura Intermedia di Kongsfjord

Quindi che tipo di persona sceglie di vivere in modo così radicale? Miyoso definisce “multiculturali” le 28 persone di Kongsford, con tedeschi, italiani e thailandesi che vivono e comunicano in inglese con la popolazione locale. “Sono stati tutti molto accoglienti e gentili con me.”

READ  Lukaku è stato selezionato come miglior giocatore del Campionato Italiano

Ha specificamente contattato un’altra donna italiana che lavora al P&P (hotel) di Eugenia e ha detto che nonostante la popolazione mondiale di Kongsford, alcune cose non sono cambiate. “È uno stereotipo che gli italiani tendano ad essere molto più rumorosi e gesticolano quando parlano, e non lo fanno. L’ho sicuramente notato. [uma diferença] Nel nostro stile di contatto.

Un posto diverso da tutti gli altri

Questa non è la prima volta che Miyoso trascorre molto tempo all’estero; Ha trascorso tre anni a Londra 18 anni fa. Ma più di recente, si è concentrato sui climi più caldi, trascorrendo tre mesi in India, Indonesia e Senegal e un anno nel sud-est asiatico. Questo rende la tua decisione di andare nell’Artico ancora più sorprendente.

Ma dice che è impossibile confrontare l’Artico da nessun’altra parte, perché non è da nessun’altra parte. In effetti, dice che il mondo è diverso dalla parte meridionale della Norvegia settentrionale.

“Il tempo, la luce, l’oscurità, tutto è diverso. Qui è una vera tundra. Gli alberi non crescono, questo è un paesaggio molto selvaggio. Abbiamo volpi rosse e artiche, renne ovunque.

“Ci sono balene, delfini, orche e tante tigri di mare; la zona è famosa per vedere gli uccelli. Ci sono anche le foche, sono bellissime! Non vivo in Norvegia. Ho vissuto nella tundra artica”.

L’area è anche desiderabile in quanto non c’è ancora nemmeno un caso di Govit-19 a Kongsfjord, il che significa che anche se le città norvegesi sono soggette a restrizioni, la vita può continuare normalmente a causa dell’estremo isolamento nelle campagne.

“Non indosso una maschera da sette mesi”, dice Miyoso.

Riapertura

Aprire il viaggio quando l’epidemia è sotto controllo fa preoccupare Miyo. “Prima dell’epidemia, c’era una sorta di turismo con la mostra e la sua presenza sui social”, dice.

“Devi dimostrare di essere all’estero, quindi ti fai un selfie con una tigre o un indiano. Il viaggio è uno strumento di sviluppo personale, ha perso il senso della scoperta di sé. La distanza fisica è associata non solo alla paura, ma anche contagio. Quindi assicurati di entrare in contatto con coloro che si trovano nello stesso posto in questo momento. Cose come l’abbraccio fanno parte della normale interazione umana, quindi faremo di meno e proveremo un altro modo per comunicare ed esprimere il nostro interesse per un’altra cultura “, ha affermato l’italiano.

In estate aumenta la comunità isolata in Norvegia "Contento"
In estate la comunità isolata in Norvegia diventa “più felice”
Foto: Valentina Miosso / Viaggio libero

Come blogger di viaggio regolare, è stato in un tour “lento” dal 2007 e un altro effetto collaterale dell’epidemia è che impieghiamo più tempo, muovendoci lentamente durante il viaggio. Crede che il modo in cui vediamo la natura e il turismo all’aria aperta possa cambiare.

READ  Giorgio Armani torna sulle passerelle con una presenza pubblica

“Dobbiamo sapere di più su quanto sia potente la natura ora che abbiamo visto nelle epidemie, e dobbiamo far pensare alla gente come parte della natura, non per vederla o usarla come un museo”, dice.

“Dobbiamo rimanere in contatto con lei, rispettarla, proteggerla. Salvarla.”

Vita artica per sempre?

Il soggiorno ufficiale al Miozo Inn è terminato due mesi fa, ma il tempo trascorso nell’Artico ha fatto una tale impressione che ha affittato una casa ed è rimasto a Kongsfjord. “Era bello essere qui”, dice. Ma ora si prepara a partire, almeno temporaneamente.

“Non ho voglia di tornare in Italia”. Ha comprato un’auto con Eugenia e si sono diretti a nord per tutto l’anno nell’ultra-remoto arcipelago delle Svalbard che abita nell’emisfero settentrionale, 1.046 chilometri a nord del Polo Nord, che condivide le strade con gli orsi polari.

Dopo un mese di viaggio, si dirigeranno a sud verso le Isole Lofoten, dove lavoreranno in un’altra locanda.

Dopodichè? “Ho sviluppato belle relazioni e solidarietà con la gente di Kongsford; È come se avessimo formato una famiglia e ora sono con loro, quindi verrò sicuramente a vederli in futuro “, dice.

“Ho scelto la mia carriera per questo motivo: posso lavorare mentre viaggio. E tengo sempre le porte aperte per dare vita”, ha detto.

(Il testo è stato tradotto, leggi l’originale in spagnolo Qui)