Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La donna più potente del calcio inglese cerca la doppietta del Chelsea in Champions League – 28/05/2021

Marina Granovskaya, 46 anni, ha uno dei lavori più difficili del calcio mondiale: lavorare per romano Abramovich. La sua efficienza non è in discussione. Ha lavorato nelle aziende del miliardario russo per 22 anni e dal 2003 vive a Londra per co-gestire il Chelsea.

Il club decide per il titolo di Champions League contro il Manchester City sabato (29), alle 16, all’Estádio do Dragão, a Porto, in onda su TNT Sports e Facebook.

Abramovich, un uomo d’affari che ha guadagnato miliardi dalla vendita di imprese statali nello smantellamento dell’ex Unione Sovietica, non ha chiesto i risultati. Da quando ha acquistato il club, nello stesso anno in cui Marina si è trasferita a Londra, il Chelsea sta vivendo il periodo migliore della sua storia.

Negli ultimi 18 anni ha vinto cinque dei suoi sei titoli inglesi, cinque FA Cup, tre Coppe di Lega, due Europa League e la Champions League 2012.

La missione di Marina Granovskaya, dirigente russa con cittadinanza canadese, è quella di riunire le squadre affinché il Chelsea vinca in campo, ma con un bel calcio. Questa era la visione di Abramovich quando decise di possedere una squadra in Inghilterra mentre guardava Manchester United e Real Madrid nei quarti di finale del principale campionato europeo nel 2003.

Finora, questo non è accaduto. Invece, le liste vincenti del Chelsea sono state modellate dall’efficienza e dall’obbedienza tattica, non dalla bellezza plastica. Questo ha portato la donna che è il braccio destro del titolare a guidare un costante cambio di tecnici. A 18 anni, il club aveva 14 allenatori diversi fino all’arrivo del tedesco Thomas Tuchel, anche lui non noto per il suo calcio offensivo.

READ  La Juventus aspira al nuovo portiere, Coutinho riceve un'offerta per tornare in Inghilterra ... Market Day - Mostre

Marina non ha mai rilasciato interviste ed è ancora lontana dalle luci della ribalta. Non è l’amministratore delegato (una posizione occupata dall’inglese Bruce Buck), ma è il manager responsabile della decisione finale sull’acquisizione dei giocatori, sui licenziamenti dell’allenatore e sulle trattative contrattuali. Questo l’ha resa definita la donna più influente del calcio inglese.

Le è stato attribuito il merito di aver cucito un accordo per Jose Mourinho e Abramovich per parlare di nuovo. I combattimenti nel 2007 hanno portato alla partenza del portoghese, ma l’abilità del CEO le ha permesso di fare un ritorno nel 2013. Ma questo non le ha impedito di licenziarlo di nuovo due anni dopo.

In nome dell’ideale del calcio vincente, della perfezione e della conformità alla visione del proprietario del club, Marina Granovskaya ha licenziato l’israeliano Avram Grant dopo aver guidato la squadra alla finale di Champions (e aver perso) nel 2008. Non è stato innamorarsi del vice-campionato. Quando finalmente il titolo europeo è arrivato, nel 2012, in uno dei più grandi sconvolgimenti nella storia della competizione, è stato licenziato anche Roberto Di Matteo.

Con l’italiano in carica, Chelsea sconfitto ai rigoriBayern Monaco, che ha giocato nel loro stadio.

Essere multi-eroe potrebbe non essere sufficiente. Carlo Ancelotti ha vinto Premier League e FA Cup nel 2010 e se ne è andato comunque. Essere un idolo non garantisce nulla. Frank Lampard, il più grande giocatore della storia del club e uno dei pochi amati da Abramovich prima di diventare allenatore, è stato licenziato l’anno scorso.

È stata la forza che ha reso possibili la maggior parte degli acquisti del Chelsea negli ultimi anni. Questo non l’ha sempre resa degli allenatori rispettati. L’italiano Maurizio Sarri si è lamentato del ritardo nella nomina dell’argentino Gonzalo Higuain, affare su cui Marina ha esitato. La storia ha dimostrato che il regista aveva ragione. L’attaccante è stato un fiasco a Londra.

READ  Milan-Cagliari del Campionato Italiano: Dove guardare e la formazione

Antonio Conte, anche lui italiano, non ha mai fatto il nome dell’amministratore delegato, ma non ha fatto cenno di nascondere a chi si riferiva quando si lamentava di qualcosa e citava “persone del club”. Non ha mai risposto in pubblico, ma era profondamente infastidita dal portiere belga Thibaut Courtois (ora al Real Madrid) quando gli è stato dato il nome e l’ha accusata di non aver onorato la sua promessa di negoziare con un’altra squadra.

Le tue impronte vanno oltre ciò che sta accadendo sul campo. In qualità di rappresentante di Abramovich, raramente visto a Londra a causa delle tese relazioni diplomatiche tra Russia e Inghilterra, Marina Granovskaya è stata una delle principali responsabili della costruzione del nuovo centro di allenamento del club, uno dei più moderni d’Europa.

Quando il club ha collaborato con il Vitesse Arnhem, ha trascorso lunghi periodi nei Paesi Bassi consigliando e implementando la filosofia della squadra inglese prima di inviare giovani giocatori per acquisire esperienza.

Ma nel giorno in cui il Chelsea potrà vincere il suo secondo campionato, il torneo più importante d’Europa, una delle domande a cui bisogna rispondere è: quale sarà il futuro di Thomas Tuchel con Marina Granovskaya, la donna più potente del calcio inglese?