Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La fisica Angela Olento dice che è un disastro quando gli scienziati non vengono ascoltati – 06/06/2021 – Science

La fisica Angela Olento si dedica alla decifrazione dell’energia che proviene dallo spazio. Con l’aiuto di esperimenti che coinvolgono radiotelescopi e palloncini giganti, lo scienziato sta testando teorie sull’astrofisica delle particelle subatomiche, frammenti di energia che viaggiano attraverso l’universo e possono aiutare a raccontare la storia dell’universo.

La brasiliana Olento è nata a Boston (USA), figlia di genitori brasiliani, e si è trasferita a Rio quando era bambina. Si è laureato in Fisica al PUC-Rio ed è tornato negli Stati Uniti all’età di 21 anni per conseguire un dottorato di ricerca al MIT (Massachusetts Institute of Technology), la mecca delle scienze esatte dove suo padre aveva già studiato.

Preside del Dipartimento di Scienze Fisiche dell’Università di Chicago (USA), Olinto è stata eletta quest’anno membro dell’American Academy of Arts and Sciences e della National Academy of Sciences negli Stati Uniti, a testimonianza del suo riconoscimento tra i fisici in questo paese e il resto del paese. il mondo.

La fisica Angela Olento si dedica alla decifrazione dell’energia che proviene dallo spazio. Con l’aiuto di esperimenti che coinvolgono radiotelescopi e palloncini giganti, lo scienziato sta testando teorie sull’astrofisica delle particelle subatomiche, frammenti di energia che viaggiano attraverso l’universo e possono aiutare a raccontare la storia dell’universo.

La brasiliana Olento è nata a Boston (USA), figlia di genitori brasiliani, e si è trasferita a Rio quando era bambina. Si è laureato in Fisica al PUC-Rio ed è tornato negli Stati Uniti all’età di 21 anni per conseguire un dottorato di ricerca al MIT (Massachusetts Institute of Technology), la mecca delle scienze esatte dove suo padre aveva già studiato.

Preside del Dipartimento di Scienze Fisiche dell’Università di Chicago (USA), Olinto è stata eletta quest’anno membro dell’American Academy of Arts and Sciences e della National Academy of Sciences negli Stati Uniti, a testimonianza del suo riconoscimento tra i fisici in questo paese e il resto del paese. il mondo.

Che ha portato la sig. Scegliere una laurea in fisica e una carriera da scienziato? Quando sono andato alla PUC, a Rio, per frequentare l’università, avevo 16 anni. Avevo e ho tuttora molti interessi, non solo scientifici. La prima cosa che ho pensato di fare, molto prima, è stata quella di passare al lato architettonico. Ho finito per sostenere diversi esami di ammissione, ma quando sono arrivato a Fisica, che è stato uno degli esami di ammissione più difficili, ero eccitato. Ho pensato: “Allora ho una possibilità!”

Otteniamo risposte dalla vita alle nostre emozioni che mostrano percorsi. La mia capacità di suonare la chitarra, per esempio, non è andata lontano, ma la mia capacità di esercitarmi in fisica sì. Penso che i primi insegnanti che abbiamo incontrato siano sempre molto importanti, e ho avuto ottimi insegnanti a livello universitario e in molte aree al liceo. Era anche la sensazione di poter fare qualcosa relativamente bene, il che ci aiuta a voler fare di più.

READ  Paris Saint-Germain prepara un'offerta finanziaria "senza precedenti" e mostra ottimismo sull'affidamento a Messi, secondo un corrispondente della stampa | Calcio internazionale

Studiare fisica è così difficile come sembra? È difficile, infatti, per qualsiasi regione, intraprendere una nuova strada. Non ti alzi e urli: Eureka! Scopri un nuovo percorso provando tanti percorsi che non vanno da nessuna parte. Quindi, la pazienza deve essere grande.

Molte domande nella scienza sono ancora aperte, quindi siamo entusiasti. Queste sono domande sulla materia oscura, l’energia oscura e le onde gravitazionali dell’universo primordiale: quest’ultima avrebbe una grande misurazione, che spero saremo in grado di fare nel prossimo decennio o giù di lì.

Quest’anno la sig. È stato selezionato per diventare un membro dell’Accademia americana delle arti e delle scienze e dell’Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti. Quanto è importante la presenza delle donne e dei rappresentanti del Sudamerica in queste istituzioni? È stata una grande sorpresa e un onore. Per me personalmente, questo è un riconoscimento della mia carriera.

C’è un lato dell’essere donna, che è molto difficile, a prescindere dall’essere brasiliana. Dopo la laurea, alla PUC-Rio, ho avuto insegnanti e compagne di classe. Non era molto, ma ce n’era abbastanza per non essere imbarazzato. Quando sono arrivato negli Stati Uniti, è stato uno shock: non c’erano professori con dottorato di ricerca in fisica al MIT e pochissimi studenti.

Anni dopo, sono stata la prima donna a vincere la posizione [processo de promoção acadêmica de professores em universidades americanas] nel Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Chicago; Un reparto con una lunga tradizione [foi o departamento do astrônomo americano Edwin Hubble]Ma tutti uomini.

Fino ad oggi non era molto comodo. Ho gestito il dipartimento per otto anni in totale e mi sono assicurato di assumere le migliori donne nei campi di cui avevamo bisogno. Ma non è facile, la gente pensa che tu sia stupida perché sei una donna, o che hai appena vinto la posizione perché sei una donna. Se non ottieni la posizione, non te lo meriti, e se ottieni la posizione, non te lo meriti neanche. Quindi non c’è modo di vincere con queste persone.

Dobbiamo abbattere queste barriere e dimostrare che è possibile essere una donna, avere un marito, avere figli e avere una vita interessante.

Per il Brasile, [a eleição para as academias] Dimostra che chiunque, ovunque, è capace di un alto livello di scienza. Ho avuto ottimi compagni di classe alla laurea e ogni volta che vado in Brasile a trovare la mia famiglia cerco di entrare in contatto con le persone, abbiamo progetti insieme. Professionisti di altissimo livello.

READ  Ariel Hulan prevede di introdurre Sotildo e vuole rinforzi a Santos: "Dobbiamo assumere" | I santi

Come espandiamo la diversità nella scienza? Dovrebbe esserci diversità di razza, genere, intelletto, abilità e background. Avevo un padre al college, quindi sono arrivato sapendo com’era. Quando una persona non ha nessuno all’interno dell’università, ed è il primo membro della sua famiglia ad arrivarci, deve capire tutto e arriverà con idee diverse.

Nella scienza nel suo insieme, c’è l’idea che il merito sia lineare. Per me, la realtà della scienza è multidimensionale. Devi essere in grado di capire bene la matematica e gli esami, ma devi anche essere creativo, paziente e sapere come collaborare. Ha molte caratteristiche per il successo a lungo termine che non vengono insegnate e le persone non sono addestrate a realizzarle.

Penso che lo sforzo dovrebbe essere quello di mantenere il merito, in termini di cercare di fare la migliore scienza possibile, ma essere aperti ad altre possibilità.

In che modo l’epidemia ha influito sulla tua produzione e su quella dei tuoi colleghi? L’anno scorso ho avuto davvero una grande responsabilità, con più di 2000 persone all’università. Ho chiesto al team di controllare tutto e di passare a Internet in anticipo. Alcuni pensavano che stessi esagerando, ma quando ha chiuso eravamo pronti. La prima cosa era cercare di continuare l’università.

I professionisti teorici erano più che in grado di lavorare da casa, ma i più sperimentali si affidano ai laboratori, che sono rimasti completamente chiusi per un mese. I primi laboratori a tornare al lavoro sono stati quelli che avevano ricerche legate al Covid-19. La mia ricerca, in collaborazione con scienziati di altri paesi, è in ritardo di oltre sei mesi, ma tutti sono vivi e vegeti, cosa che considero un enorme successo.

È stato incredibile quanto velocemente possano essere prodotti i vaccini e così tante persone hanno lavorato incessantemente per portarci dove siamo ora; Qui è tutto più tranquillo. Spero che le persone saranno orgogliose degli scienziati.

Durante la pandemia sono diventate popolari espressioni così tipiche della comunità scientifica. Vogliamo conoscere l’efficacia dei vaccini, la probabilità di contrarre il virus in determinate situazioni e così via… La scienza è andata? Sfortunatamente, siamo in un’era altamente polarizzata. Le persone che sono orgogliose degli scienziati, che prima amavano la scienza, questa è la mia impressione. Ma ci sono ancora persone che negano la scienza, rifiutando i vaccini, per esempio. Penso che alcune delle persone più neutrali si siano rivolte al lato scientifico.

La scienza è una delle cose più democratiche. Non ha senso avere soldi illimitati, non stai cambiando la Legge di Attrazione. È quello che è.

READ  Lo Spazio Culturale Unifor riapre per le visite faccia a faccia con due gallerie gratuite - Verso

Spero che la generazione più giovane si entusiasmi e veda il potere salvavita della scienza, o lo veda come un disastro quando gli scienziati non rispondono. Questo è ciò che sta accadendo di recente in Brasile e in India.

Le persone dicono quello che vogliono e non conoscono la differenza tra un’idea su cui gli scienziati sono d’accordo e qualcosa che qualcuno ha appena inventato.

Abbiamo visto molti giovani studiosi brasiliani abbandonare il paese per intraprendere la loro carriera all’estero. Come possiamo invertire questa situazione? Un problema è l’instabilità. Ci sono stati momenti in cui gli studiosi in Brasile hanno guadagnato più di quelli qui, e molti che erano negli Stati Uniti sono tornati in Brasile. Ma sembra un’onda che va su e giù. È instabilità, una struttura che non andrà via solo perché è cambiato il capo. Negli Stati Uniti e in Europa c’è poco di questo sentimento.

Un altro fattore molto presente negli Stati Uniti è l’innovazione, che incoraggia nuove tecnologie per sviluppare nuovi prodotti. Molti ricercatori e professori vogliono non solo sviluppare la tecnologia, ma anche costruire l’azienda che sviluppa i prodotti. Quindi, se puoi fare di tutto, avrai più stabilità e indipendenza. Non è facile, e in Brasile, con l’instabilità, diventa ancora più difficile. Questo non è impossibile, ma l’investimento è carente.

Il Brasile ha una capacità intellettuale e uno spazio del globo che dà visione, non siamo una piccola isola che non interessa a nessuno, abbiamo un capitale intellettuale e naturale.

La cosa che può aiutare a dare la priorità alle accademie della scienza che facciamo qui, mentre pianifichiamo cosa si può fare [projetos de pesquisa] Entro un decennio. Pertanto, con un budget realistico, è possibile prevedere come sarà la bandiera del paese in futuro. Questo aiuta gli studenti stessi, che conoscono le opportunità che avranno.

Secondo me, governo e imprese dovrebbero collaborare, come sta accadendo qui. Il Brasile ha alcune infrastrutture di ricerca, ma c’è ancora molto su cui costruire.

Raggi X

Angela Villa Olento, Preside, Dipartimento di Scienze Fisiche, Università di Chicago (USA)

È una fisica delle astroparticelle, con un dottorato di ricerca in Fisica presso PUC-Rio e un dottorato in fisica teorica delle particelle presso il MIT (Massachusetts Institute of Technology). Nel 2021 è stata eletta all’American Academy of Arts and Sciences e alla United States National Academy of Sciences.