Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

La mostra “Hanskin, Phil Rembrandt” rivela l’interesse del pittore per gli animali

Amsterdam – sull’iscrizione Adamo ed Eva in paradiso Da Rembrandt, datato 1638, ci sono due simboli del bene e del male. Un drago che sorvola la coppia pensa alla mela proibita, che rappresenta il pericolo della tentazione. E sullo sfondo un tarchiato elefantino gioca alla luce del sole, segno di castità e grazia. Il significato di questi simboli, sebbene oggi oscuro, fu riconosciuto in Europa nel XVII secolo.

Il drago disegnato da Rembrandt era il risultato della sua immaginazione. Ma l’elefante sembra sorprendentemente una creatura vivente. Come poteva Rembrandt, che non ha mai lasciato l’Olanda, sapere che aspetto aveva un elefante?

La risposta a questa domanda arriva sotto forma di esposizione. Guanti, o Elefante di Rembrandt, Sopra La casa di Rembrandt, ad Amsterdam. Lo spettacolo, che va avanti fino al 29 agosto, racconta la storia di una femmina di elefante asiatico, che trascorse il resto della sua vita in Europa e divenne uno spettacolo famoso e popolare.

La vita di questo elefante è un’ossessione personale del naturalista e storico dell’arte olandese Michael Roskam Abing Da quasi vent’anni. Il suo primo volume, relativamente piccolo, è stato pubblicato su guanti nel 2006, ma ha continuato a cercare ulteriori documenti su dove si trovasse e sulla sua biografia negli ultimi quindici anni, ottenendo un nuovo libro e una mostra di Rembrandt House.

Ciò che scoprì fu che Hansken era di straordinaria importanza nell’arte, nell’intrattenimento popolare e nella scienza durante il suo breve periodo di circa 25 anni. Fotografata almeno tre volte da Rembrandt, ha viaggiato fino al Mar Baltico in nave, a piedi in Danimarca, e poi in Italia, diventando il primo elefante asiatico descritto dalla scienza occidentale.

READ  I partecipanti differiscono quando il partecipante viene salvato e Juliana Cristina sceglie per affinità: "Era una strategia", dice

“È una storia molto tragica, in realtà, ma è anche meravigliosa”, secondo Leonor van Sloten, Curatore di House of Rembandt. “È incredibile pensare che ci siano così poche informazioni su un animale”.

È stata portata in un mondo a cui non apparteneva, ha aggiunto Van Stolen, “ma è diventata una sorta di finestra sulla vita in quel momento”.

Hanskin nacque nel 1630 sull’isola di Ceylon, l’attuale Sri Lanka. La Compagnia Olandese delle Indie Orientali commerciava con l’isola e il governatore dei Paesi Bassi, il principe Frederick Henry, chiese alle autorità di inviargli un elefantino come curiosità.

Gli elefanti erano rari in Europa prima dell’era moderna.

“Nel XV secolo, c’era un solo elefante in Europa”, ha detto Roskam Abing. “Nel sedicesimo secolo conoscevamo due o tre di questi animali, e anche nel diciassettesimo.”

Il viaggio durò circa sette mesi e Hansken arrivò in Olanda nel 1633. Federico Enrico Li teneva nelle sue scuderie reali, insieme ad altri animali esotici. Ma, forse per la spesa e la difficoltà di mantenerlo, lo cedette poi ad un parente, il Conte John Morris.

È stato cambiato almeno due volte prima di acquistarlo Cornelius Van Groenevelt, un aspirante animatore, per 20.000 fiorini, ovvero mezzo milione di dollari oggi. Hanskin trascorse il resto della sua vita con Groenefelt, che la portò di città in città come attrazione.

Insegnò all’elefante alcuni trucchi – come tenere un secchio, sdraiarsi, portare una spada e sparare – che l’artista svizzero dipinse con stampe. Geremia Glaser, e in disegni e altre stampe di artisti sconosciuti, a volte come pubblicità per le proprie esibizioni.

READ  Locarno svela il suo programma di divisioni parallele

Amsterdam nel 1637 fu una delle prime tappe di Hansken, e fu probabilmente la prima volta che Rembrandt la vide. Nello stesso anno, ha creato un disegno dettagliato dell’animale catturando la trama e le pieghe della sua pelle e la curvatura del suo busto. Forse il disegno era uno studio di Adam e EveL’incisione è stata eseguita successivamente.

“Era interessato all’animale stesso, non ai trucchi che esegue”, ha detto Roskam Abing. “Altri artisti si sono concentrati su come sparare con una pistola o portare un secchio d’acqua, ma non Rembrandt. Era interessato a catturare l’elefante da solo”.

Roscam Abbing è riuscita a documentare l’arrivo di Hansken in non meno di 136 città e paesi in Europa. Ha visitato Amsterdam quattro volte nella sua vita. Rembrandt potrebbe averla vista in due o tre di quelle occasioni. Intorno al 1641, lo dipinse di nuovo, raffigurando le sue tre versioni dell’animale da diverse angolazioni e in diverse pose: mangiare, sdraiarsi e camminare.

Dopo anni di tournée e spettacoli, forse non per mancanza di alimentazione e cure inadeguate (perché gli europei non sapevano nulla del trattamento di questi animali), Hansken crollò in Piazza della Signoria, una grande piazza a Firenze, in Italia, il 9 novembre 1655, circa 25 anni. .

I suoi ultimi momenti sono stati catturati in tre disegni di un artista italiano, Stefano Della Bella, che è successo di esistere.

“Non si sapeva con certezza cosa le fosse successo; in un primo momento, si pensava che fosse stata avvelenata”, ha detto Van Stolen.

Dopo una visita medica, si è scoperto che è morta di febbre a causa di un’infezione. Aveva gravi ascessi ai piedi.

READ  Reuters sceglie Alessandra Galloni come prossimo caporedattore per l'intrattenimento

Van Groenvelt vendette il corpo di Hansken al Granduca di Toscana, Ferdinando II de Mediciche si interessava di scienze naturali. Studiò attentamente il suo corpo e lo descrisse nella letteratura scientifica. La sua pelle e il suo scheletro sono stati successivamente rivelati in Galleria degli Uffizi.

La pelle si deteriorò e fu scartata nel XIX secolo, ma lo scheletro di Hanskin sopravvive fino ad oggi e fa parte della collezione permanente del Museo della Specola dell’Università di Firenze.

Il suo teschio viene prestato alla Casa di Rembrandt come parte dello spettacolo.

“Non ci sono ossa di nessun altro Rembrandt contemporaneo che puoi vedere, nemmeno quelle dello stesso Rembrandt”, ha detto Van Sloten, “quindi è fantastico essere in giro”.

Tradotto da Anna Capovilla