Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Le crociere sono di nuovo sicure? Costa dimostra di sì – Publitoris

Publitoris ha accettato la sfida di Costa Crociere di viaggiare in Costa Smeralda e conoscere “in loco” il protocollo di salute e sicurezza della compagnia contro il COVID-19. Scopri cosa è cambiato e quale esperienza puoi aspettarti da una crociera in tempi di pandemia.


Quando è stata inaugurata alla fine del 2019, Costa Smeralda è diventata rapidamente il gioiello della corona di Costa Crociere. Con il suo splendore fisico di 337 metri di lunghezza e 65 metri di altezza – che gli garantiscono il titolo di nave più grande della flotta della compagnia, con una capacità di 6.500 passeggeri e 1.500 membri dell’equipaggio – questo gigantesco marinaio combina la sostenibilità con caratteristiche di design che lo rendono celibe. Alimentata a gas naturale liquefatto (GNL), è anche la nave più sostenibile a bordo di Costa Crociere e parla a parole dell’Italia, paese di origine della compagnia e ritrovato nei minimi dettagli a bordo. Per le sue peculiarità, la Costa Smeralda prometteva successo e ha reso l’itinerario attraverso il Mediterraneo occidentale – partenza da Savona e tappe a Marsiglia, Barcellona, ​​Palma di Maiorca, Civitavecchia e La Spezia, iniziato il 30 novembre 2019 – uno dei le carte vincenti di Costa Crociere per l’inverno 2019/2020. Ma quattro mesi dopo, è arrivata la pandemia di COVID-19 e il mondo si è fermato.
Dopo oltre un anno di inattività, Costa Crociere ha stabilito un severo protocollo di salute e sicurezza che le ha permesso di riprendere l’attività il 1° maggio, con un itinerario di una settimana attraverso l’Italia, disponibile anche su minicrociere di tre e quattro notti. Ancora una volta, le caratteristiche distintive della Costa Smeralda, in primis le sue dimensioni, determinerebbero quale nave la compagnia sceglierà per riprendere l’attività. “Questa è una nave con più spazio e più aree all’aperto, quindi è più facile mantenere le distanze. Questo è un vantaggio”, osserva Simona de Pietro, Direttore Crociere Costa Smeralda e uno dei funzionari che hanno avuto l’opportunità di parlare con Publituris durante una recente crociera in Costa Smeralda, tra il 16 e il 20 maggio, su invito di Costa Crociere, che ha promosso un programma prestabilito affinché un gruppo di giornalisti portoghesi e spagnoli potesse familiarizzare, in pratica, con il protocollo di salute e sicurezza che ha consentito la ripresa dell’operazione e che varrà anche per le altre tre navi che la compagnia attuerà il proprio stato In servizio quest’estate.

protocollo

Siamo entrati in Costa Smeralda domenica 16 maggio, a Civitavecchia, vicino Roma. Proprio al porto ci siamo resi conto che il COVID-19 ha cambiato il modo di salire a bordo di una crociera, anche perché l’uso obbligatorio della mascherina durante il check-in non permette di dimenticare il COVID-19, né i problemi del settore all’inizio della pandemia.
Ma il cambiamento più grande è proprio l’esecuzione dei test, in uno dei pilastri del protocollo Costa Crociere, che si basa anche sull’uso obbligatorio delle mascherine, sulla distanza tra i passeggeri e sulle restrizioni all’occupazione o alla disinfezione degli spazi. Prima dell’imbarco, veniamo inviati in una specie di laboratorio nell’edificio del porto, dove ci attende la famosa unzione. Poco dopo, con esito negativo accertato, abbiamo completato il nostro check-in e imbarco. L’intero processo, ovviamente, è accompagnato da diversi distributori di gel alcolici e sempre con una maschera facciale.
I test sono diventati consistenti e questo sarà il primo di tre che faremo in questa crociera di quattro notti, aggiungendo a quello che abbiamo già fatto in Portogallo, prima del nostro viaggio aereo in Italia. Durante il viaggio è stato comunque necessario fare un altro test per il viaggio a Cagliari, e un altro per il viaggio in Portogallo – Costa Crociere propone test a bordo a 40 euro a persona.
L’attenzione alla sicurezza è fondamentale e, come successivamente sintetizzato, durante la sessione di chiarimento a bordo Stefano de Noya, Hotel Manager Costa Smeralda, “L’obiettivo è far sentire al sicuro i passeggeri”. A tal fine, oltre ad investire nella sperimentazione, l’azienda ha fatto anche “un investimento molto significativo nelle risorse umane”, rafforzando i propri dipendenti e investendo nella loro formazione.
Mentre l’occupazione dei passeggeri è stata ridotta e non dovrebbe superare il 40% o il 50% quest’estate – in questo viaggio c’erano meno di 1.500 passeggeri – il numero totale dei membri dell’equipaggio è aumentato e ora c’è “personale in tutta la nave per controllare il comportamento dei passeggeri” e spazi liberi Costa Crociere ha fatto un investimento importante anche in campo medico, e come spiega Francesco Serra, comandante della Costa Smeralda, c’è stato un rafforzamento del personale, oltre che delle aree deputate alla cura di casi positivi. Ha spiegato che “una volta identificato un caso positivo a bordo, la persona viene isolata nelle proprie aree” e accompagnarla adeguatamente a casa o in ospedale”, ha detto, spiegando che i passeggeri che hanno avuto contatti con questo caso positivo sono anche in fase di test.

READ  Julia B piange dopo essere stata criticata per la sua interpretazione in 'Encontro'

i cambiamenti

A causa del COVID-19, ci sono stati cambiamenti e modifiche alla vita a bordo della nave, in particolare nell’uso degli spazi pubblici. Uno dei casi più evidenti sono i ristoranti e i bar, che ora hanno restrizioni di occupazione e consentono solo a persone dello stesso banco di sedersi insieme a tavola. I buffet sono finiti e il servizio è tutto in tavola, così come i menù fisici, ora disponibili sull’app Costa o tramite QR code. Nelle cabine il solito log non è più presente, ed è ora disponibile sull’app Costa.
Non ci sono nemmeno proposte gastronomiche, e l’ingresso in molte aree pubbliche è controllato su appuntamento, come la spa, mentre l’occupazione della palestra è stata ridotta, così come nelle piscine. I posti a teatro sono stati ridotti a un terzo. L’intrattenimento, infatti, è uno dei settori in cui sono stati fatti i maggiori cambiamenti, poiché la discoteca è ancora chiusa, c’era bisogno di cambiare gli orari degli spettacoli perché per mercati come quello italiano, spagnolo o portoghese, “l’animazione è molto importante un esperienza parziale di crociera”, ha spiegato Simonadi Pietro.
Anche allora, la Costa Smeralda si è rivelata una nave adatta alla fase in cui si trova il settore. “Questa barca è completamente diversa. Tutte le altre hanno il concetto di un grande teatro, un grande bar e grandi spazi dove si radunano i passeggeri. Questa nave non è liquida. Fortunatamente ero già pronto per un tipo di intrattenimento più flessibile, a diversi volte, in modo che tutti avessero l’opportunità di vedere gli spettacoli”, ha detto.
Nonostante le restrizioni, i passeggeri non notano differenze significative, la piena occupazione della nave è stata ridotta, ha spiegato Stefano de Noya, che la carta Costa aiuta a monitorare l’occupazione, in modo da evitare l’affollamento.
Quello che è cambiato di più sulla nave, secondo Simona Di Pietro, sono state le attività dei bambini, poiché i club tradizionali dovevano essere rielaborati. Ora, ha spiegato, c’è una sola stanza tra i 3 e i 6 anni – la cui mascherina è obbligatoria – ma offre solo tre turni al giorno, per tre ore, che devono essere programmati in anticipo. Tra i 6 e i 12 anni sono disponibili due camere con occupazione limitata a due gruppi di sette, mentre per i ragazzi, 12-18 anni, sono ammessi gruppi di 10. In entrambi i casi è necessaria la prenotazione e si effettua tramite l’app Costa.

READ  Colonna di Belo Horizonte in primo piano

Esperienza

È vero che il COVID-19 ha cambiato il modo di viaggiare in crociera e i responsabili di Costa Smeralda non lo negano, vista la distanza fisica, che, secondo Stefano De Noya, è “un enorme ostacolo in un settore mirato all’intrattenimento”. “Il nostro compito è garantire la sicurezza, ma dobbiamo continuare a fornire un’esperienza indimenticabile”, ha spiegato, tenendo presente che le crociere continuano a garantire vacanze indimenticabili, perché in molti paesi non è ancora possibile andare sul balcone o guardare un spettacolo ancora. Sono le 22:00. Questo è possibile in Costa Smeralda.
Quindi, secondo Francesco Serra, i riscontri sono stati positivi e i passeggeri si sono detti “divertiti e si stanno divertendo”, compresi gli anziani, che sono già stati vaccinati. “Gli anziani non hanno paura perché sono già stati vaccinati. L’Italia ha già vaccinato quasi il 40% della popolazione”, ha rivelato, in un’informazione confermata da Stefano Di Noya, che ha spiegato che gli anziani “sono quelli che preoccupano di più. Sono felici di poter trascorrere un po’ di tempo lontano da casa, il confinamento per loro è stato molto pesante”.
È quanto hanno potuto confermare Publitoris e altri giornalisti invitati da Costa Crociere. Durante questi quattro giorni, la differenza più grande è stata l’uso della maschera, perché il resto della vita a bordo è rimasto lo stesso. Come ha detto Simona Di Pietro, il fatto che la Costa Smeralda sia una nave diversa dal punto di vista del divertimento aiuta a non perdere la discoteca. Nella parte centrale, la nave contiene il Colosseo, un’area di intrattenimento su tre ponti – da sei a otto – attorno alla quale si trovano panchine per assistere ai vari spettacoli che si svolgono due volte a notte. Abbiamo avuto l’opportunità di assistere a musica, balli e acrobazie, che hanno contribuito ad animare la notte e ci hanno fatto dimenticare, per qualche ora e nonostante la mascherina sui nostri volti, i disagi della pandemia.

READ  Eden Djikko ha raggiunto il traguardo di gioco con la maglia della Roma

viaggi

I voli controllati sono un altro pilastro del protocollo Costa Crociere, perché a causa dell’epidemia è necessario mantenere a bordo una sorta di bolle, che le partenze non riescono a penetrare. Quindi nessuno può lasciare la nave se non partecipa a un tour organizzato. “Nessuno può lasciare la nave da solo, bisogna prenotare un volo. È l’unico modo per garantire che tutti rispettino il protocollo”, ha spiegato Stefano De Noya.
Ecco perché ogni volta che uscivamo dalla nave, Costa Crociere ci invitava a partecipare a una delle nostre escursioni. Durante questo viaggio di quattro notti attraverso l’Italia, che ha lasciato Civitavecchia e fa tappa a Napoli, Messina e Cagliari, abbiamo condiviso due viaggi: a Napoli nel sud del paese e Cagliari in Sardegna. A Messina non abbiamo lasciato la nave, perché le autorità locali, come ci ha spiegato Simona di Pietro, hanno autorizzato solo le escursioni il giorno prima, che non hanno permesso l’organizzazione della visita.
Secondo il funzionario la frequenza con cui sono stati modificati i requisiti per i porti visitati modificando l’itinerario – che comprende anche nella versione Seven Nights che comprende Savona e La Spezia – è problematica, visto che le regole in Italia vengono annunciate ogni venerdì. che entrerà in vigore il lunedì successivo, rendendo difficile prevedere che la vita tornerà alla normalità.
Nel caso dei voli, oltre ai cambi settimanali, ci sono ancora porti che richiedono i test COVID-19, come accaduto a Cagliari. Il giorno prima della visita abbiamo dovuto fare un test per poter partecipare al tour il giorno successivo.

Anche in fase di partenza viene rigorosamente rispettato il protocollo, sugli autobus viene mantenuto il distanziamento fisico, è obbligatorio l’uso della mascherina, e nelle parti dove si effettuano spostamenti a piedi, nessun passeggero è autorizzato a lasciare il gruppo, pena l’essere impedito di tornare sulla nave. A parte queste regole, le visite si svolgono normalmente anche se consistono principalmente in tour della città su autobus. Tuttavia, abbiamo fatto alcuni tour a piedi, come il centro storico di Napoli, passando per Spaccanapoli, una delle principali arterie della città, che attraversa l’intera area storica, il Convento di Santa Clara e la Basilica del Gesù Nuovo, mentre a Cagliari la visita ha avuto una parte più ampia del giro della città, con alcune soste in punti di vista e località strategiche.
È il caso di dire che l’esperienza è cambiata, ma le crociere riescono ancora a creare ricordi indimenticabili, anche perché le vacanze stanno diventando diverse in tutto il mondo. Il vantaggio delle crociere è che ci permettono, ogni giorno, di svegliarci in una destinazione diversa. E ora è anche al sicuro.