Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

L’ex giocatore del Milan si suicida e lascia una lettera che denuncia il razzismo | Internazionale

Riproduzione

Ci sono

Il calcio italiano piange la tragica scomparsa della ventenne Seat Wisin. Giovedì scorso ha giocato nelle giovanili del Milan, con il portiere Gianluigi Donorumma (oggi in nazionale italiano), appeso in casa in Italia.

Quando i giornali locali hanno riferito per la prima volta che la morte era dovuta a una malattia, il giocatore ha lasciato una lettera spiegando cosa lo ha spinto a intraprendere un’azione. In genere l’atleta, adottato da bambino da una coppia di origini etiopi e della provincia di Salerno, parla del razzismo che ha vissuto in quel Paese.

(Guarda le foto dei giocatori nella galleria qui sotto)

“Ovunque vada, sento il sospetto, il pregiudizio, l’odio e l’intimidazione delle persone come una pietra sulla mia spalla”, ha detto in una parte della lettera.

Seat, che ha lasciato il campo nel 2016 per dedicarsi agli studi e dedicarsi al Futsal, che gioca per l’Atletico Vitalica, ha raccontato di un momento in cui ha vissuto il pregiudizio.

“Ho potuto ottenere un lavoro a cui ho dovuto rinunciare perché tante persone, soprattutto anziani, hanno rifiutato il mio servizio. Molti giovani (e bianchi) italiani mi hanno accusato di non aver trovato lavoro, come se non fossi più a mio agio, ” ha sottolineato.

Il portiere del Milan Donarumma parla della perdita dell’amico. “Appena arrivato a Milano ho incontrato lo slip, abbiamo vissuto insieme in un collegio, sono passati alcuni anni, ma non posso, non voglio dimenticare quel suo incredibile sorriso, la gioia della vita. un amico, un ragazzo come me”, ha detto.

Durante il funerale è stata letta ai presenti la lettera lasciata dal giovane, e alla fine sono arrivati ​​tanti applausi.

READ  L'ex giudice pubblica opere sulle storie di mafia italiana che hanno ispirato la BCCI

Leggi la lettera completa:

“Data questa particolare situazione socio-politica che incombe sull’Italia, vengo inevitabilmente interrogato in quanto uomo di colore. Non ero un immigrato. Sono stato adottato quando ero più giovane.

Di fronte a questo enorme flusso migratorio, ricordo con un po’ di arroganza che tutti mi amavano. Ovunque fossi, dovunque fossi, dovunque fossi, tutti tornavano da me con grande gioia, rispetto ed entusiasmo. Tuttavia, questa situazione, che ora è tranquilla, è tutt’altro che finita; Tutto sembra essersi misteriosamente capovolto, e in una limpida giornata primaverile, senza preavviso, sembra ai miei occhi che l’inverno sia caduto con intensa ispirazione e intensità.

Ora, ovunque io vada, ovunque io sia, ovunque io sia, sulle mie spalle, sento un sasso, lo sguardo del sospetto, del pregiudizio, della rabbia e della paura della gente. Qualche mese fa ho potuto ottenere un lavoro che ho dovuto lasciare perché molti, soprattutto anziani, si rifiutavano di vedermi, come se non bastasse, non avendo più il carbone fortificato, mi hanno anche fatto notare che molti i giovani italiani (bianchi) erano responsabili dell’impossibilità di trovare lavoro.

Dopo questa esperienza, qualcosa in me è cambiato: come se nella mia testa si fosse creato un vertiginoso automatismo e attraverso di esso mi sono presentato in pubblico, in una società diversa da quella che sono realmente; Così come mi vergogno di essere nero, ho paura di essere scambiato per un immigrato, sono come loro, sono italiano, devo dimostrare a chi non sa che sono bianco. .

Questo, quando ero con i miei amici, mi ha portato a fare brutte battute su neri e immigrati, anche con il vento fragoroso, dicendo che ero razzista con i neri, per così dire, sottolineando che non lo ero, non ero un immigrato. Tuttavia, l’unica cosa che domina, l’unica cosa che riesco a capire nel fare le mie cose è la paura.

READ  Il Brasile ha vinto due volte la lotteria italiana in 20 giorni ed è oggetto di un'indagine

La paura dell’odio che vedevo negli occhi della diaspora, la paura del disprezzo che sentivo nella bocca della gente, anche i miei parenti che chiamavano Mussolini depresso lo chiamavano costantemente “Capitano Salvini”.

Deluso nel vedere alcuni amici (non so se posso definirli tali) cantano il coro “Gaza Pound” all’unisono quando mi vedono. L’altro giorno un amico adottivo mi ha detto che stava giocando a calcio con i suoi amici per un po’ allegro e ansioso, e alcune donne gli si sono avvicinate: “Prenditi il ​​tuo tempo, perché tra poco ti riporteranno a casa. “.

Con le mie parole verdi, amare, tristi, a volte drammatiche, non voglio implorare pietà o dolore, ma la sofferenza che sto vivendo per ricordare a me stessa che il disagio e la sofferenza che provo sono una goccia d’acqua rispetto al mare.

Persone oneste e serie vivono, moriranno piuttosto che condurre una vita di miseria e inferno. Queste persone che rischiano la vita, e tante altre, l’hanno già persa, per annusarla, per assaporarla, per assaporare quella che chiamiamo semplicemente vita”.