Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Pizza Day: gli imprenditori di MG reinventano il loro business e investono nella consegna – Economia

La pizza celebra il 10 luglio la Giornata Mondiale delle Feste (Foto: Pizzaria Auguri / Divulgao)

Questo sabato si celebra la Giornata Internazionale del PizzaImpasto che sarebbe apparso negli egizi più di 5000 anni fa, i primi ad impastare la farina con l’acqua ea cuocerla Forni rustici. SIn seguito divenne un riferimento gastronomico in Italia.

un tenerezza Era soprannominato “Pane di Abramo” ed era chiamato “pscea”. I Fenici aggiungevano al pane carne e cipolle, ma furono gli Italiani ad aggiungere alla ricetta pomodori, erbe aromatiche e olio d’oliva e resero popolare il cibo dopo l’arrivo della pasta nel porto di Napoli.

In Brasile, a causa dell’epidemia, i mercanti hanno dovuto usare la loro creatività per sopravvivere.

Un’indagine sugli effetti della pandemia sul settore, pubblicata a maggio dall’Associazione Pizzerias Unidas do Brasil (APUBRA), quando sono stati intervistati nel Paese 723 imprenditori del settore, il 61,3% ha risposto che durante il precedente periodo di pandemia, gli stabilimenti stavano lavorando con opzioni di salone e servizio di consegna e richieste esterne.

La percentuale di abitazioni tra gli intervistati che lavorano solo con servizi di ritiro e consegna è stata invece del 20%. Del totale degli intervistati, l’88% ha risposto di aver iniziato a utilizzare le proprie app di consegna o di iniziare a utilizzare nuovi mercati, come Rappi, iFood e UberEats.

Con un calo delle vendite del 64%, il 2020 è stato caratterizzato da un massiccio aumento di materie prime, cibo e tasse. Un altro punto sollevato dall’indagine è stata la difficoltà di ottenere linee di credito disponibili: il 58% non ha ricevuto alcun tipo di assistenza governativa. La mancanza di aiuto ha anche influenzato la decisione del 53% degli intervistati di licenziare.

READ  Paula - proprietario dell'Inter alla ricerca di un partner per aumentare la liquidità del club (sport)

Gli imprenditori hanno anche risposto alle domande sui casi COVID-19 all’interno del personale. Degli intervistati, 390 imprenditori hanno riferito di avere dipendenti risultati positivi, e di questi, solo il 54% degli intervistati ha riportato casi gravi di malattia, richiedendo il ricovero.

Rio Rabida

Imprenditore di Pizza Ugori, situata in Rua Alabastro, a Santa Teresa, nella regione orientale di Belo Horizonte, Sereno N’Gello racconta come è riuscito a escogitare strategie per non chiudere il suo locale. “L’ho visto e l’ho affrontato. Quando l’epidemia ha raggiunto il Brasile, ne vedevo già le conseguenze in Asia e in Europa, e sapevo che ci sarebbe voluto del tempo”. La reazione è stata rapida per ridurre i costi e reinventare l’attività.

Immediatamente, rescisse i contratti di lavoro e mantenne per qualche tempo il servizio di consegna. Mesi dopo, ha ridotto i suoi spazi e ha riassunto un terzo del suo personale. Non è stato facile, dice l’uomo d’affari, perché la casa era focalizzata sul servizio faccia a faccia. “I clienti del delivery sono molto diversi da quelli che escono di casa in cerca di cibo. Avevo bisogno di puntare su nuovi clienti, per un nuovo prodotto, un nuovo marketing, senza perdere il riferimento dei miei clienti tradizionali, che cercano un locale arredato con un ambiente musicale”.

La pizzeria si è trasferita all’indirizzo vicino a dove opera. Un locale più piccolo, con una capienza del 40% rispetto a un tempo, rispetta le norme sanitarie della distanza. Il menu segue la linea italiana, con 12 pizze sostanziose con prodotti d’importazione e altre 20 pizze classiche, più il dolce.

READ  La destinazione sta ripensando il settore delle crociere

Tra le bevande, c’è una carta dei vini, che, con l’oscillazione del dollaro, non permette di “legare” i soldi in borsa. C’è un massimo di sei adesivi a settimana tra rosso, bianco e rose, per garantire una piccola quantità, sempre tre o quattro adesivi tra rosso, bianco e rose, mantenendo buoni prezzi.

In risposta alle richieste dei clienti e ai cambiamenti nelle abitudini alimentari, Oguri ha investito anche nell’ampliamento del menù della pizza, dando spazio a cibi vegetariani, vegani e salutari. “Il risultato è stato una sorpresa, e le pizze vegane (Inhotim, Mundo Novo e Prosperidade) sono attualmente le più richieste, anche tra i clienti non vegetariani che hanno condiviso la notizia. Per festeggiare l’appuntamento con i nostri clienti, noi di Pizzeria Auguri siamo in grande promozione della classica pizza margherita napoletana, cotta nel forno a legna.

Dall’Egitto al mondo

Secondo alcuni storici, questa data si celebra il 10 luglio dal 1889, quando il re Umberto I e la regina Margherita Pizza assaggiata per la prima volta. La ricetta, preparata dalla pizza napoletana di Raffaele Esposito, nella Napoli del XIX secolo, era ricca di ingredienti che richiamavano i colori della bandiera italiana: moarella (bianco), pomodoro (rosso) e basilico (verde), dando origine a Pizza Margherita.

Il cibo è uno degli alimenti più consumati sull’intero pianeta. Il Brasile è il secondo consumatore di pizza dopo gli Stati Uniti. Molto caro, contiene i gusti, i tipi e gli ingredienti più diversi, il che rafforza la sua posizione di best seller nei supermercati.

“Il successo della pizza è dovuto alla praticità della sua preparazione e al suo sapore inconfondibile, che evoca il divertimento e le riunioni di amici e familiari”, afferma Marco Quintarelli, consulente per la vendita al dettaglio ed esperto di nutrizione. Nota che “in uno scenario di pandemia in particolare, i consumatori cercano unità e prodotti che valorizzino i ricordi e attirino emozioni”. “Inoltre, è un piatto molto versatile e può essere preparato in diverse forme, sapori e dimensioni”, conclude.

READ  Procon sta notificando ad Azul, Gol, Latam e altre compagnie aeree di intervenire nella pandemia: l'economia