Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Radiazioni: lo sperma di ratto rimane stabile dopo 6 anni nello spazio

Potenziali grandi notizie per i futuri viaggiatori spaziali: gli scienziati hanno condotto l’esperimento biologico più lungo di sempre sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e i risultati, pubblicati l’11 giugno, indicano che l’esposizione prolungata alle radiazioni spaziali non influisce sul DNA che passerà fino alle generazioni future – Almeno nei topi.

Si teme che l’esposizione cronica alle radiazioni spaziali possa non solo mettere gli astronauti a rischio di sviluppare il cancro e altre malattie, ma anche causare mutazioni nel loro DNA. Questi cambiamenti nei geni, in teoria, potrebbero essere trasmessi alle generazioni future. Ma i nuovi risultati di questo studio suggeriscono che i viaggiatori dello spazio profondo possono partorire in sicurezza, da un punto di vista biologico, al ritorno dalle loro missioni.

Come hai fatto l’esperimento?

Per lo scienziato Teruhiko Wakayama della Yamanashi University di Kofu, in Giappone, e i suoi colleghi, studiare come le radiazioni spaziali influenzino la riproduzione è stata una sfida complessa: non sarebbe stato possibile simulare accuratamente le radiazioni spaziali utilizzando le apparecchiature disponibili qui sulla Terra e la Stazione Spaziale Internazionale non lo ha fatto avere congelatori per conservare le celle a lungo termine.

La soluzione trovata dal team è stata quella di liofilizzare lo sperma dei topi – per sublimarli – e solo allora inviarli nello spazio. Con questo processo è stato possibile conservare la sostanza a temperatura ambiente.

Lo sperma di topi conservati nello spazio fino a sei anni ha prodotto centinaia di figli sani durante lo studio.Fonte: Te Wakayama/Nazioni Unite. Yamanashi / Riproduzione

Per lo studio, il team ha selezionato i 12 migliori maschi tra 66 topi, tenendo conto della qualità delle fiale. Le migliori 24 fiale di ogni maschio sono state selezionate e poi divise in sei scatole. Tre scatole sono state inviate nello spazio e conservate sulla Stazione Spaziale Internazionale, mentre altre tre scatole sono conservate qui sulla Terra.

READ  I brasiliani preferiscono pagare di più in immobili per comodità e spazio - Casa e Jardim

risultati promettenti

Anche nello spazio, lo sperma è rimasto vitale dopo quasi sei anni. L’esposizione alle radiazioni spaziali non sembra danneggiare il DNA dello sperma o la capacità delle cellule di produrre “cuccioli spaziali” sani, i ricercatori responsabili dell’esperimento hanno riportato sulla rivista scientifica. progresso scientifico.

Quando lo sperma è tornato sulla Terra, è stato reidratato e iniettato in uova fresche di topo. Il team ha quindi trasferito gli embrioni nell’utero delle femmine di topo. Circa 240 figli sani ‘spaziali’ sono nati da spermatozoi conservati nel LES per circa tre anni; Circa altri 170 sono nati dallo sperma conservato sulla stazione spaziale per quasi sei anni.

Sono state eseguite analisi genetiche e non sono state riscontrate differenze tra la progenie di spermatozoi conservati nello spazio e topi nati da spermatozoi conservati nel suolo. Ha mantenuto la prole dallo sperma nel luogo in cui si sono sposati, da adulti hanno anche figli e nipoti sani.

Sebbene i risultati siano promettenti, gli scienziati sottolineano che potrebbero non catturare tutti gli effetti delle radiazioni spaziali, perché l’ERA è parzialmente schermata dalle radiazioni del campo magnetico terrestre. Inoltre, altri studi mostrano che le radiazioni spaziali danneggiano il DNA, almeno in parte, scomponendo le molecole d’acqua nelle cellule. Poiché lo sperma liofilizzato non contiene acqua, può essere particolarmente resistente alle radiazioni.

bambino astronautaFoto di Amina Filkins Nessun pixel Fonte: Amina Filkins/Pixel

Rischi di esposizione alle radiazioni

Qui sulla Terra, il campo magnetico del pianeta ci protegge dalle radiazioni spaziali. Sulla Stazione Spaziale Internazionale, gli studi mostrano che il record di esposizione è di 523 microsievert al giorno. L’esposizione a lungo termine a questo tipo di radiazioni può danneggiare le cellule e il DNA, che a loro volta possono portare a cancro, cataratta, problemi cardiaci, malattie neurodegenerative e persino problemi comportamentali.

READ  Gol e momenti migliori del San Paolo 0 x 0 Fluminense per il Campionato brasiliano 2021 | 30/05/2021

Finora, non è del tutto chiaro quale effetto abbia l’esposizione sulla salute umana, e gli effetti di passare troppo tempo nello spazio possono apparire solo dopo molti anni di esposizione, secondo Marjan Burma, radiobiologo presso l’Università dell’Arkansas Medicine. Scienza a Little Rock, Stati Uniti.