Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Scopri chi era il designer Albert Elbaz morto di Covid-19

Il mondo della moda ha iniziato la settimana a piangere la morte dello stilista Albert El-Baz, sabato scorso (4/24), a causa delle complicazioni del Covid-19. Il designer aveva 59 anni e ha combattuto contro il nuovo coronavirus nel corso di tre settimane a Parigi, in Francia.

Noto per il ringiovanimento Marchio francese Lanvin Tra il 2001 e il 2015 Elbaz ha lanciato il proprio marchio, Fabbrica da zero, Qualche mese fa. un Gruppo Richmont, compagno EtichettaHo annunciato la morte del designer questa domenica mattina (4/25). Con una forte personalità, il marocchino è stato ammirato da celebrità e grandi nomi del settore della moda.

L’origine e l’inizio della professione

Albert El-Baz è nato il 12 giugno 1961 a Casablanca, in Marocco. Cresciuto in Israele dal primo anno di vita, ha avuto una crisi convulsiva riconosciuta e ha trascorso la sua infanzia sognando di diventare un medico o un’infermiera. Tuttavia, ha scelto la moda come percorso professionale e si è laureato allo Shenkar College of Engineering, Design and Art (Tel Aviv) negli anni ’80. Secondo il New York TimesHa rimosso la lettera T da Albert per facilitare la pronuncia.

El-Baz ha attraversato l’esercito per un breve periodo prima di trasferirsi a New York, negli Stati Uniti. Il suo primo lavoro di breakout risale al 1985, come assistente senior di Geoffrey Penny, Per sette anni. Il percorso del designer inizia a Parigi nel 1996, quando era incaricato della regia Pronto da indossare (Pronto da indossare) da Guy Laroche. Lì, ha iniziato a sperimentare con una portata internazionale.

Nel 1998, Albert Elbaz è stato invitato dallo stesso Yves Saint Laurent a sostituirlo sulla linea Rive Gauche, che corrisponde a Pronto da indossare Il tuo marchio. In qualità di interrogatore del settore, ha trascorso pochissimo tempo sul lavoro, poiché il Gruppo Gucci ha acquistato il marchio e ha messo Tom Ford al suo posto. Poi ho lavorato con l’italiano crisiA Milano, in Italia, il meglio deve ancora venire.

READ  Ettore Scola è stato l'ultimo episodio con una grande generazione del cinema italiano

Grazie alla sua amicizia con Shaw-Lan Wang, uno dei collaboratori di Lanvin, il designer ha assunto la direzione creativa del marchio nel 2001, un passo che ha segnato una vera svolta nella sua carriera. Sebbene fosse uno dei più antichi marchi francesi, era “polveroso” e veniva trascurato nell’interesse del pubblico.

Albert Elbaz
Albert El-Baz è nato in Marocco e cresciuto in Israele, dove ha studiato, e si è trasferito a New York negli anni ’80

Albert Elbaz alla parata di Guy Laroche
Dopo essere stato assistente senior del designer americano Geoffrey Penny per sette anni, ha assunto la direzione creativa di Guy Laroche nel 1996. Lì, ha iniziato a guadagnare fama internazionale.

Albert Elbaz e le top model alla fiera YSL
Poi, anni dopo, iniziò a coltivare Pronto da indossare Saint Laurent, su invito del fondatore del marchio

Modella alla sfilata Albert El Baz di YSL
Rimase a Saint Laurent per un breve periodo. Dopo che la collezione Gucci ha acquistato il marchio, Tom Ford ha preso il suo posto

Sfilata di Albert Elbaz da Lanvin
La carriera di Elbaz è decollata quando è diventato Direttore Creativo di Lanvin nel 2001
Successo di Lanvin

Prima del marchio francese, Elbaz è diventato il beniamino di personaggi di Hollywood come Meryl Streep, Natalie Portman e Julianne Moore. Proponendo un equilibrio tra classico e moderno, la stilista ha rilanciato il marchio e lo ha riportato sul radar, con creazioni molto ambite dal pubblico femminile. Nel 2019 ha anche dichiarato: “Durante la mia carriera, ho sempre lavorato con donne e per donne”.

Le creazioni hanno un tocco elegante e colorato, influenzato dall’alta moda. Lo stilista ha attirato l’attenzione, in particolare, sugli abiti cocktail. Tra i dettagli, è conquistato da ornamenti spessi, tende e chiusure industriali. Di conseguenza, ha fatto appello al pubblico e ai critici esperti.

È interessante notare che il successo nell’abbigliamento non vacilla negli accessori, una categoria importante per qualsiasi marchio importante. A proposito, il designer non ha potuto segnare Sono borse. Da un lato, ha vinto altri voti notevoli. Ha vinto lo status internazionale ai CFDA Fashion Awards 2005 ed è stato nella lista delle 100 persone più influenti della rivista Time due anni dopo.

Nonostante l’iniziale vicinanza all’azionista Shao Lan Wang, i due hanno iniziato a litigare nel tempo. Di conseguenza, Elbaz è stata licenziata da Lanvin nell’ottobre 2015. Successivamente, le vendite sono diminuite e la società cinese Fosun ha acquistato il marchio. Da lì, il designer ha trascorso cinque anni in pausa, collaborando con marchi come Tod’s e Le Sportsac, fino a quando non è tornato con tutto all’inizio di quest’anno.

READ  Leifert cerca di costringere Fiuk a dire ciò che non vuole dire
Albert Elbaz alla sfilata di Lanvin
Albert Elbaz è rimasto a Lanvin fino all’ottobre 2015, quando è stato licenziato

Sfilata di Albert Elbaz da Lanvin
Con le sue creazioni per il marchio, ha deliziato critici commerciali e professionisti. Foto tratta dalla sfilata Primavera / Estate 2003

Modella alla sfilata Albert Elbaz di Lanvin
uno sguardo Dalla collezione Autunno / Inverno 2009

Meryl Streep in Lanvin agli Oscar 2012
Meryl Streep, una delle creazioni iconiche di Elbaz che ha vinto, veste Lanvin agli Oscar del 2012

Natalie Portman Westendo Lanvin
Un altro fan del designer è l’attrice Natalie Portman. Qui veste Lanvin ai Golden Globe 2012

Fabbrica da zero

Nel 2019, Elbaz ha iniziato a lavorare con Richemont Group su quella che sarebbe diventata la sua nuova avventura nel campo della moda. inizio Fabbrica da zero. Il progetto ha debuttato durante la Haute Couture Week, nel gennaio di quest’anno, quando gli abiti sono stati utilizzati in tessuti sofisticati e design creativi che vagavano per il mondo. Stati d’animo Essenziale, festoso e sportivo. Il Etichetta Concentrandosi su ciò che lui chiama “moda intelligente”, offre una miscela di tecnologia e artigianato, con un pizzico di intrattenimento.

Sebbene il nome del marchio prenda le lettere del suo nome, Elbaz ha fatto attenzione a non trasformarlo in un marchio monolitico, poiché non vuole che il progetto sia correlato ad esso. Fin dall’inizio, un file inizio È nata con l’obiettivo di fornire ai clienti “soluzioni”, che si tratti di taglie complete (dalla XXS alla 4XL) o di accorgimenti di design che rendono i pezzi più funzionali a prezzi medi.

Indipendentemente dagli altri dettagli, il designer ha rifiutato di chiamare le versioni “set” o “capsule”, preferendo chiamare “storie”, senza stagioni specifiche. Inoltre, Elbaz ha voluto fare dei clienti dei veri “co-creatori”, attraverso nuove esperienze basate sulle esigenze che si erano manifestate. Il lancio è arrivato con esperienze virtuali come Spiriti It Programma di registrazione con stile Talk show.

Vedi dal primo gruppo di AZ Factory
A gennaio è uscito Albert Elbaz inizio AZ Factory, un marchio di moda in progetto comune Con il gruppo svizzero di lusso Richemont. Lavora a questo progetto dal 2019

Alber Elbaz dietro le quinte di The AZ Factory
Un mix di artigianato e tecnologia, il marchio lavora sulla moda intelligente alla ricerca di “soluzioni” per le donne

Vedi AZ Factory
un Etichetta Trasporta il DNA dello stilista, con un pizzico di intrattenimento, ma non si tratta di “questo”.

Vedi dal primo gruppo di AZ Factory
Quando è stato lanciato AZ Factory, Elbaz ha rivelato di aver ricevuto chiamate per lavorare per altri marchi, ma che non voleva tornare di nuovo in un’azienda con codici statici.

Vedi dal primo gruppo di AZ Factory
Esteticamente, le creazioni AZ Factory portano l’un l’altro pezzi con un tocco sportivo

Elbaz ti manca

Gentilezza, vivacità, umorismo acido (e persino autoironia) e arguzia sono i tratti di Albert Elbaz che verranno ricordati. Il fondatore e presidente del gruppo svizzero Richemont, Johan Robert, ha indicato a WWD di aver perso molto più di un collega, ma un caro amico. Per lui, lo stilista era uno dei personaggi più “intelligenti e adorabili” della moda.

“Sono sempre stato colpito dalla sua intelligenza, sensibilità, generosità e creatività sfrenata”, ha detto. “Era un uomo di eccezionale calore e talento, e la sua visione unica, il senso della bellezza e la compassione hanno lasciato un’impressione indelebile. È stato un grande onore aiutare Albert nei suoi ultimi sforzi, mentre lavorava al suo sogno di una moda intelligente che conta. “

Dopo l’annuncio della morte, stilisti come Valentino Garavani, Pierpaolo Piccoli, Stella McCartney, Maria Grazia Chiuri e Michael Kors hanno parlato della perdita del loro amico. Sull’Instagram di Dior, Curry si è lamentato: “Non dimenticherò mai quanto fosse generoso, talentuoso e gentile. È stata la prima persona a farmi sentire a casa nel settore della moda. Ha detto che la sua parola preferita è ‘amore’ e con quella parola Lo ricorderò. ”

READ  Dedim Gouveia, forrozeiro dal Ceará, muore di Covid-19 lunedì (19) - è colpito

Altre personalità che denunciano la partenza di Elbaz sono Sarah Jessica Parker, Kim Kardashian ed Edward Innenful, oltre a dimostrazioni ufficiali di grandi marchi. La casa che ha dedicato per 14 anni, Lanvin brevemente: “Grazie, Albert”. Anche Guy Laroche ha lasciato un tributo su Instagram. “Il talentuoso signor El-Baz, ci mancherai”, si legge nella didascalia.

Il bilancio della moda di Covid-19

Dall’inizio della pandemia Covid-19, la malattia ha preso alcuni nomi dall’industria della moda, come il designer giapponese Kenzo Takada e lo stilista italiano Sergio Rossi. Albert Elbaz è stato trasferito in un ospedale parigino. I funerali del designer si svolgeranno mercoledì (27 aprile) a Holon, in Israele, a mezzogiorno ora locale.

A giugno, nel giorno del suo sessantesimo compleanno, la famiglia del designer ha in programma di organizzare un evento commemorativo a Parigi, secondo WWD. Albaz lascia il fratello, la sorella e il marito Alex Koo, che è un dirigente commercio.


Hebert Madeira ha collaborato