Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

SDF mantiene l’arresto e consente la consegna immediata del mafioso italiano | Santos e Regione

Con un voto unanime della 2a classe (SDF) della Corte Suprema Federale, il 63enne italiano Nicola Assisi è stato condannato per traffico di droga dai tribunali italiani e approvato per l’estradizione immediata. Membro della mafia italiana. A seguito di un’indagine internazionale sul suo coinvolgimento nel traffico di droga, l’obiettivo dell’Operazione Barcio Invisual, coordinata dalla Polizia Federale Barani, è l’ACC.

Nel luglio 2019 Nicola è stata arrestata insieme al figlio Patrick Assisi. Sono stati trovati dalla polizia federale a Priya Grande, sulla costa di San Paolo. Secondo PF, entrambi sono cittadini italiani e fanno parte di un braccio sudamericano di un gruppo chiamato Ndrangheta. La polizia federale afferma che la banda originariamente apparteneva alla regione Calabria del sud Italia e controlla il 40% delle esportazioni globali di cocaina. La sicurezza nega le accuse.

Una sentenza della Corte Suprema martedì ha accusato gli italiani di avere problemi di salute e di essere nel gruppo a rischio per l’invecchiamento dopo che la difesa di Nicola Assisi ha cercato di cambiare gli arresti domiciliari dall’inizio dell’epidemia di Covit-19. .

Dopo la smentita della Corte Suprema, Eugenio Malawasi, uno degli avvocati di Assisi, ha affermato che la sicurezza era già in attesa della revoca delle sanzioni. “Tuttavia, poiché il signor Nicola sta ancora rispondendo a un’azione penale presso la Corte federale brasiliana, chiederò al giudice federale che riferisce di autorizzare le SDF, senza Res Judicata, in modo che la consegna venga effettuata solo dopo Res Judicata”, ha disse. G1.

Nicola Assisi e Patrick Assisi arrestati dalla polizia centrale a Priya Grande, SB – Foto: Adriana Guttino / G1

A seguito dell’arresto dei familiari, il giudice federale Roberto da Silva Lemos ha annullato l’arresto degli italiani, padre e figlio, durante un’udienza di polizia il 9 luglio 2019, presso la corte federale di Santos. Quello stesso dicembre dell’anno, con voto unanime, anche la 2a classe SDF è stata autorizzata a consegnare Patrick Assisi, ha detto in difesa. G1, è ancora trattenuto in custodia federale poiché la sua estradizione non è ancora definitiva.

Nicola e Patrick Assisi hanno cercato di portare il caso della difesa in tribunale perché avevano capito che questa legge sul rapimento non era un crimine internazionale. “Chiediamo dell’incompetenza del tribunale perché riguarda il traffico interno di droga”, ha affermato l’avvocato Bruno Calhardo. La droga, secondo lui, si trovava in un appartamento attiguo, che apparteneva a entrambi.

Il giudice ha capito che il caso doveva essere in tribunale federale, quindi l’avvocato ha chiesto il rilascio temporaneo perché aveva una residenza permanente, ma la richiesta non è stata accolta.

Dopo l’interrogatorio, Nicola e Patrick sono tornati al carcere di sorveglianza della polizia federale a San Paolo, dove sono stati portati via dopo aver riferito alla stazione di polizia PF di Santos. Il traffico dei due ha mobilitato un forte piano di sicurezza aziendale, ma nessun incidente.

Italiani portati al Santos per la custodia in tribunale federale – Foto: Adriana Gutino / G1

Secondo la polizia, Nicola Assisi e Patrick Assisi appartenevano al gruppo mafioso Entrangeta nella regione Calabria del sud Italia. Si dice che l’organizzazione sia responsabile del controllo di circa il 40% delle esportazioni globali di cocaina verso l’Europa, il principale mercato di consumo. Hanno lavorato con un ramo criminale brasiliano.

Padre e figlio erano in un attico di lusso ai margini del quartiere di Aviano a Priya Grande. La mattina della data dell’arresto, la polizia dell’Early Intervention Team (GPI) ha transennato l’area. Nell’appartamento, tranne quelli illegali, c’era una scatola segreta in fondo a un muro sbagliato. La posizione può essere utilizzata anche come via di fuga.

Tutti gli oggetti sono stati confiscati e portati con i prigionieri a Santos, dove si trova la stazione di polizia regionale del PF. Nicola e Patrick hanno preso di mira mandati di cattura della Corte Suprema su richiesta del Rappresentante della Polizia Federale per l’Interpol in collaborazione con la Polizia italiana. È stato anche un atto palese dei fuorilegge.

Secondo la polizia italiana, Nicola stava per ritirarsi dalla criminalità per godersi la vita da qualche parte in Brasile, dove i due sono ricercati dal 2014. Anche l’Interpol era dietro di loro. Prima del suo arresto, si sospetta che negli ultimi anni padre e figlio abbiano viaggiato attraverso l’America Latina utilizzando documenti falsi.

PF sistema gli italiani in un attico di lusso a Priya Grande, SB – Foto: Robson Senhorus / G1

Video: le notizie più viste da G1

READ  Moto 282: guarda i punti salienti di questo numero