Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Sfide CINM – Tutte le opinioni

I ministri delle finanze del G7 (Unione Europea, Repubblica Federale Tedesca, Giappone, Repubblica Italiana, Canada, Repubblica Francese, Stati Uniti d’America e Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord) si sono impegnati per una politica aziendale minima tassazione basata su due pilastri: diritti fiscali nei paesi che operano In essi sono le società multinazionali, cioè dove realizzano profitti dalla vendita di beni e servizi.

Poiché l’imposta sarà riscossa sul 20% delle entrate, il suo margine di profitto è superiore al 10% dei risultati e; L’aliquota fiscale globale più bassa del 15%, applicata dal paese in cui si trova l’ufficio delle imposte, viene applicata agli utili delle società multinazionali all’estero. Se le tasse pagate dalla società in alcuni paesi risultano in un’aliquota inferiore al 15%, quel paese ha il diritto di imporre più tasse fino a raggiungere questo livello, eliminando la possibilità di trasferire gli utili.

Allo stesso tempo, la Commissione Europea si prepara a varare una nuova direttiva europea sulla tassazione delle società. L’obiettivo della nuova direttiva è garantire “l’applicazione uniforme in tutti gli Stati membri dell’UE” di qualsiasi accordo sulle norme internazionali in materia di tassazione delle società. Nonostante le “buone intenzioni” del G7, la sua posizione è chiaramente neocoloniale, nel senso che ignora completamente i principi basilari dello sviluppo sociale ed economico, non solo delle piccole economie insulari, siano esse giurisdizioni sovrane o non sovrane, ma anche di paesi non sovrani costieri. Prendiamo il caso della Confederazione Svizzera, che utilizzerà il denaro dei contribuenti per sostenere le multinazionali che sono state colpite negativamente dalla nuova misura del G7.

READ  Alitalia avvia la nuova compagnia che entrerà in funzione a ottobre

La Tax Foundation (un think tank con sede a Washington, DC fondato nel 1937 che raccoglie dati e pubblica studi di ricerca sulle politiche fiscali statunitensi a livello federale e statale) ricorda giustamente che le giurisdizioni a tassazione più bassa facilitano gli investimenti in altri paesi con tasse più elevate. Pertanto, l’applicazione di un’aliquota fiscale totale minima aumenterà i costi di questi investimenti e può portare a una battuta d’arresto economica.

Tuttavia, nel piano del G7 per un’aliquota minima globale dell’imposta sul reddito delle società, l’aliquota minima del 15% doveva essere impraticabile (o troppo alta) se le società fornissero prove di sostanza economica negli stati a tassazione inferiore in cui operano. Questa prospettiva gioca a favore non solo dell’IBC – Madeira International Business Center (che, secondo alcuni tax planner internazionali con cui ho parlato la scorsa settimana, è una giurisdizione molto attraente rispetto ai Caraibi in questo senso!), ma anche del Repubblica Popolare Cinese, che ha utilizzato l’economia privata della regione (alla quale non rinuncerà facilmente) per attrarre investimenti esteri diretti e mantenere la propria crescita economica e tecnologica.

Tuttavia, fino alla riunione del G20, il punto sopra descritto può essere modificato. In questo scenario, è imperativo che la Regione Autonoma di Madeira eserciti forza diplomatica a Lisbona e Bruxelles affinché il regime della zona franca, sancito dai trattati dell’UE, non venga rivisto alla luce di queste nuove misure fiscali internazionali che sembrano voler ripristinare la sovranità e giurisdizioni isolate. Non è sovrano rispetto allo status vergognoso dei mendicanti per l’assistenza internazionale. E come l’Irlanda ha giustamente chiesto, le piccole economie dovranno usufruire di alcune esenzioni/condizioni speciali.

READ  Coca-Cola HBC chiude l'accordo per acquisire il 30% dell'azienda italiana Caffè Vergnano - 28/06/2021/20