Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Il Portogallo sta già perdendo contro greci e spagnoli nel campionato sudeuropeo di bazooka بطولة

L’impatto economico degli investimenti proposti nel piano di Resilienza e Ripresa (PRR) per ciascuno Stato membro è rivelato quando il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è sbarcato in ciascuna delle capitali europee. Lisbona in particolare è stata la prima tappa di questo round per approvare il PRR previsto per il 2021-2026.

La mattina del 16 giugno, Ursula von der Leyen ha consegnato personalmente al primo ministro Antonio Costa la valutazione degli esperti di Bruxelles sul PRR portoghese. All’interno è arrivata la simulazione da parte dei servizi della Commissione dello schema pari a 16,6 miliardi di euro di sussidi e prestiti della “bazuca” europea: il PRR ha il potenziale per aumentare il PIL del Portogallo tra l’1,5% e il 2,4% fino al 2026.

Quel pomeriggio, Ursula von der Leyen è volata a Madrid per condividere la buona notizia con il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez. Bruxelles ha anche approvato le sovvenzioni europee da 69,5 miliardi di euro del PRR spagnolo. I servizi dell’UNHCR credono nel loro più grande potenziale per aumentare il PIL della Spagna tra l’1,8% e il 2,5% entro il 2024.

La mattina dopo, il 17 giugno, il presidente della Commissione europea era ad Atene per dare il via libera al primo ministro Kyriakos Mitsotakis PRR. Mobilita 30,5 miliardi di euro di fondi europei, di cui 17,8 miliardi di euro in sovvenzioni dirette più 12,7 miliardi di euro in prestiti. Le simulazioni dei servizi della Commissione mostrano il potenziale di questo tasso di riduzione del rischio per aumentare il PIL della Grecia tra il 2,1% e il 3,3% entro il 2026. Più del tasso di rischio minimo portoghese o spagnolo.

Nella sua valutazione, la Commissione europea tiene a sottolineare che il PRR greco è stato preceduto da un piano di sviluppo dettagliato per l’economia greca. Pubblicato nel novembre 2020, è stato coordinato da un panel di esperti presieduto dal premio Nobel Christopher Pisaridis e professore alla London School of Economics.

Va notato che la simulazione di Bruxelles non include il potenziale impatto positivo delle riforme strutturali in ogni Paese, un effetto che la stessa Commissione ammette potrebbe essere “sostanziale”. L’impatto globale dell’EU Recovery Tool è considerato in ogni paese, il che include l’accesso a diversi supporti europei, da ReactEU, Horizonte Europa, InvestEU, Fund for a Just Transition, Rural Development e RescEU.

Nei Campionati del Sud Europa, risultato di una valutazione di 40,9 miliardi di euro di contributi a fondo perduto richiesti francese PR. E soprattutto l’effetto PRR italiano, il più ambizioso di tutti i piani presentati alla Commissione Europea.

Oltre ai 68,9 miliardi di euro a cui aveva diritto nella distribuzione dei sussidi diretti tra i 27 Stati membri, sta di fatto che il governo italiano ha deciso di prendere in prestito altri 122,6 miliardi di euro dal nuovo meccanismo di rilancio europeo, mobilitando così un totale di euro . 191,5 miliardi per modernizzare il Paese entro il 2026.

Il verdetto sarà annunciato martedì 22, quando Ursula von der Leyen sbarcherà a Roma per visitare gli iconici studi di Cinecittà con il presidente del Consiglio Mario Draghi. Uno degli obiettivi di questo PRR è proprio la competitività dell’industria audiovisiva italiana.

Misure aziendali

Expresso ha chiesto agli esperti Deloitte – in Portogallo, Spagna, Francia, Italia e Grecia – di fare un primo confronto tra questi cinque prodotti. e individuando alcune delle azioni più simboliche per le economie e le imprese dell’Europa meridionale.

“Anche per la loro vicinanza alla questione portoghese, è importante analizzare i piani spagnolo, francese, greco e italiano: sono i piani dei più grandi Paesi del sud dell’Unione Europea che – nonostante le loro naturali differenze – finiscono per condividere esperienze ed esperienze economiche e sociali non sempre diverse tra loro’”, afferma il partner di Deloitte Portugal, Sergio Oliveira.

Dal punto di vista finanziario, l’esperto mette in evidenza i diversi utilizzi dei prestiti a disposizione dei vari Stati membri nell’ambito di questo strumento ufficialmente denominato EU’s Next Generation. Sebbene Spagna e Portogallo “non abbiano, di fatto, chiuso rigidamente la porta al futuro ricorso” ai prestiti, Italia e Grecia “indicheranno, d’ora in poi, un effettivo interesse a mobilitare tutte le risorse finanziarie disponibili, tra cui, quindi, il valore del predetti prestiti, nonché la promozione dell’utilizzo di altri fondi disponibili nell’economia da fonti pubbliche e private.

La Spagna o l’Italia sono i maggiori beneficiari dei milioni di bazooka europei. Ma i francesi hanno raddoppiato il sostegno europeo a cui avevano diritto. Piace? L’aggiunta di altre risorse finanziarie ha raddoppiato il PRR a circa 100 miliardi di euro.

“In ogni caso, non verranno mai trascurati i valori che verranno attribuiti direttamente o indirettamente alle aziende e al settore privato”, afferma Sergio Oliveira. Questi Stati membri ritengono che l’economia reale avrà un ruolo importante nel successo dei piani di rilancio. In effetti, raggiungeranno gli obiettivi prefissati solo se tutti gli agenti economici, nessuno escluso, saranno coerenti con la strategia da perseguire nel breve tempo a disposizione”.

misure simboliche

Il PRR greco mobilita 2,7 miliardi di euro in sovvenzioni e tutti i 12,7 miliardi di euro in prestiti a cui ha diritto dal Recovery and Resilience Facility per sostenere le imprese e gli investimenti privati.

Deloitte Grecia mette in evidenza misure simboliche come la trasformazione economica del settore agricolo ellenico (520 milioni di euro), la strategia per promuovere la neutralità climatica per le città, compresa la ristrutturazione di ex aree industriali e la modernizzazione della riviera ateniese (475 milioni di euro) , la scommessa sull’aumento dello stoccaggio di energia rinnovabile (450 milioni di euro), il sostegno alle aziende per aumentare l’efficienza energetica nei propri edifici (450 milioni di euro) o la trasformazione digitale delle piccole e medie imprese greche (375 milioni di euro).

Il PRR spagnolo dovrebbe coprire circa il 20% degli investimenti del settore privato coinvolti nella ripresa dell’economia spagnola. Deloitte Spagna sottolinea l’importanza dei cosiddetti Progetti strategici per la ripresa e la trasformazione economica (PERTE). Uno riguarderà la produzione di batterie in Spagna per scommettere sulla linea emergente di auto elettriche e connesse. Un’altra misura simbolica del sistema PRR spagnolo è lo sviluppo di piattaforme di servizi digitali collaborativi per le piccole e medie imprese per accedere a strumenti di automazione e robotica, intelligenza artificiale, sicurezza informatica o “blockchain”.

Deloitte France sottolinea che il 44% dei 100 miliardi di euro inclusi nel PRR francese deve essere assegnato alle imprese. Il potenziamento dei settori strategici dell’industria galattica – come l’aerospazio, l’automotive o le telecomunicazioni (5G), per esempio – è una delle azioni evidenziate. Il focus è su progetti di economia circolare e decarbonizzazione dell’industria, nonché sulla digitalizzazione delle piccole e medie imprese. Attenzione anche al settore agroalimentare e alla trasformazione agroecologica.

Deloitte Italia afferma di essere il maggior beneficiario dei fondi del Resilience and Recovery Mechanism dell’UE e stima che circa 75 miliardi di euro saranno messi a disposizione delle imprese.

Le priorità principali sono la digitalizzazione, l’innovazione e la competitività, compresi il turismo e la cultura; Rivoluzione Verde e Trasformazione Ambientale; infrastrutture per la mobilità sostenibile; istruzione e ricerca; Inclusione e coesione. e salute.

Il PRR italiano investe, in particolare, in ricerca e innovazione. Oltre alle decine di milioni di sussidi europei coinvolti, sono previsti altri incentivi, come crediti d’imposta per ricerca e sviluppo (R&S), innovazione e business design o “bonus ambientali” per aumentare l’efficienza energetica degli edifici.