Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

“Luca” e “4×100 – Running for a Dream” sono film che miglioreranno la tua settimana; vale la pena guardare!

Il film si svolge sulla costa italiana, sulla Riviera Ligure, e non a caso viene chiamato il regista Enrico Casarosa. È italiano, ha lavorato a lungo alla Disney, ha diretto un altro cortometraggio che è andato anche bene ed è stato nominato per un Oscar, tra cui: “La Luna”. Si sente che il film è davvero ambientato in Italia: leggende, un mostro marino sulla costa italiana…

Nella storia, Luca fa un amico, Alberto, e esploreranno questo villaggio, vivranno grandi avventure e alla fine è un film di amicizia e accettazione, perché tutti gli abitanti odiano, ovviamente, i mostri marini.

È un film molto gustoso e delizioso, con una colonna sonora che rende giustizia a Ennio Morricone, classici del cinema italiano. Per i ragazzi più grandi, come me, o che hanno bambini in casa, è perfetto.

Ascolta altri altoparlanti FLÁVIA GUERRA sulla radio FM.

Un altro film che sono molto felice di dare un suggerimento, perché parla dei Giochi Olimpici, è il brasiliano “4×100 – Running for a Dream”, che viene mostrato nei cinema.

È questo tipo di film fantastico, non è affatto rivoluzionario, ma è il tipo di film che penso sia davvero bello da vedere ora. Abbiamo bisogno di una storia di amicizia, relazione, amicizia e conquista… Oggi abbiamo bisogno di connetterci con le emozioni e questo film lo fa molto bene.

Non si tratta della competizione in sé, anche se è ben rappresentata e i personaggi arrivano a Tokyo. Il film è stato girato prima della pandemia, pensando alla competizione, quindi vanno a Tokyo, che è molto ben costruita, e così anche tutte le scene sportive. Puoi vedere che il sondaggio è stato fatto molto bene!

READ  Roberto Justus conferma: il nuovo 'Apprentice' andrà in onda solo nel 2022 - Prisma

Thalita Carauta e Fernanda Freitas, i capi, hanno una domanda, lo shock di aver perso la gara nel 2016, a Rio, e poi c’è tutta quella strada da battere. La sceneggiatura valorizza molto anche i problemi delle donne, la maternità, il sessismo, le pretese e l’ansia che hanno di non poter fallire…visto nei film americani. Spero che ispiri anche i nostri atleti là fuori.