Giornale Siracusa

Ultime notizie, immagini, video e rapporti speciali dell'Italia da The Economic Times. Blog Italia, commenti e notizie d'archivio

Luis Carlos Merten: proprietario del tappeto rosso – Coletiva.net

Luis Carlos Merten, giornalista e critico cinematografico
Mi moltiplico

Nel suo primo contatto con Luiz Carlos Martin – tramite rete fissa, perché non usa cellulari o social network – per preparare l’intervista, prima di terminare la telefonata, il giornalista ha criticato le copertine di alcuni giornali. Secondo lui, è stato un peccato il poco spazio riservato agli esperti per il triste traguardo di 400.000 morti per Covid-19 raggiunto in Brasile.

Abbreviare la giornata dell’intervista vera e propria – che avverrà tramite Zoom, alle 15:00 – Martin non si è presentato all’orario concordato. Dopo diversi tentativi falliti di contattarlo al telefono, mi sono reso conto, verso le 16, che la conversazione non avrebbe avuto luogo. Ho inviato un’e-mail chiedendo se è successo qualcosa. Poche ore dopo, ho avuto la risposta: “Oddio, mi dispiace. Posso inventare qualsiasi cosa, ma dimenticavo. Ero al cinema. Chiamami per fissare un appuntamento”.

Questi due capitoli servono a mostrare un po ‘chi è Luis Carlos Merten: un essere umano con un acuto occhio critico, sempre con l’energia per mettere in discussione e avere un’opinione. Allo stesso tempo, un appassionato di cinema che, dopo tanto tempo senza poter entrare nella camera oscura, a causa dei vincoli dell’epidemia (oggi è pienamente immune e si è permesso di tornare), ha dimenticato anche l’intervista che aveva fissato . E non c’è modo di competere. Merten e il cinema hanno una relazione a lungo termine, un vecchio amore.

non sto scherzando. Era il gennaio del 1966 quando un giornalista diplomato alla Ufrgs iniziò a scrivere di settima arte, nel defunto Dirio de Notcias. Poi, negli anni successivi, ha lavorato per altre società, lavorando per Caldas Junior Group, Zero Hora, e anche Dirio do Sul, dove rimase fino alla fine degli anni ’80. Con l’arrivo di un nuovo decennio, Merten voleva anche nuove sfide. È partito per So Paulo, e nella sua borsa, ovviamente, la sua passione per il cinema.

Nella capitale San Paolo, nel 1989, si è preso una vacanza gratuita nello Stato. Questo posto vacante si è rapidamente trasformato in un matrimonio permanente: 35 anni, per l’esattezza. E anche dopo la rottura – Merten è stato licenziato dal giornale nel dicembre 2020 – entrambi hanno deciso che valeva la pena continuare questa storia, proprio come Hollywood. Al giorno d’oggi, il giornalista contribuisce di nuovo alla rivista, di nuovo come giornalista freelance – praticamente, remake.

“Avremo sempre Parigi.”

Ha una grande passione per Parigi. È orgoglioso di dire di aver visitato la capitale francese più di 50 volte – e anche senza considerarsi un uomo religioso, ogni volta che si trova nella Città delle Luci, religiosamente, ne fa un punto di sosta a Notre Dame. La costruzione della cattedrale lo affascina: a proposito, si è avvicinato molto a un laureato in architettura, prima di accettare che il giornalismo fosse il suo destino. È proprio a causa della connessione che la Francia è diventata molto importante per i professionisti.

Nel 2006 il critico faceva parte della giuria che ha premiato la Camera d’Or alla 59a edizione del Festival di Cannes, uno dei festival più grandi e coperti al mondo. Il premio assegnato alla migliore apparizione del regista. Quel momento è stato il culmine di Merten. “È un grande onore per me salire sul tappeto rosso a Cannes come membro professionista della giuria”, ha detto, con un sorriso quasi infantile sul volto, ricordando la gloriosa occasione.

Ovviamente, coloro che hanno le capacità di essere una giuria a Cannes possono anche essere confusi con persone i cui umani vogliono solo alzarsi e scattare una foto. Così è stato con Jeff Bridges, che ha osato parlare male di John Wayne e Henry Hathaway, uno dei suoi manager preferiti, proprio di fronte a lui. Merten non l’ha lasciata e disintegra l’argomentazione dell’attore predatore con i fatti. Lo stesso è stato ripetuto con Sean Connery, che non aveva senso confrontare il suo film medio con le opere di Alfred Hitchcock. Il giornalista fedele che lo ama e ovviamente si estende ai grandi maestri del cinema.

Tra alberi e libri

Molto prima di salire sul tappeto rosso di Cannes, il famoso critico cinematografico frequentava luoghi più semplici. Merten nasce a Porto Alegre, il 12 settembre 1945, ultimo erede di un totale di quattro fratelli. Quel giorno, si è scoperto che era venuto al mondo con una scarsa preparazione fisica alle mani e ai piedi, a causa di un farmaco che sua madre aveva assunto durante la gravidanza. “Per questo motivo, molti pensavano che sarei stato un bambino molto protettivo e premuroso, ma non era proprio così. Vivevo appeso agli alberi, proprio come una piccola scimmia”, dice.

Ed era lì, tra i rami degli alberi che avevano nel suo cortile, nel quartiere di Auxiliadora – “Il numero era 176, e non lo dimenticherò mai” – il ragazzo iniziò a viaggiare nel regno dell’immaginazione. Tra le opere che divorava in quota, insieme alle prugne che raccoglieva direttamente dai suoi piedi, si passò la camicetta per pulirla, una delle quali si notò nella sua memoria: “Tarzan” di Edgar Rice Burroughs, che faceva parte del Gruppo terramarear.

E il gusto per la lettura è cresciuto. Dopo la morte prematura del padre, l’attore commerciale Fredolino, quando Merten aveva solo 10 anni, iniziò a frequentare il posto di lavoro di suor Marilyn, Livraria de Globo, sempre dopo le lezioni alla scuola di Gliu de Castellos, a quel tempo, il tempo era giusto. Nel centro di Porto Alegre. Tra le infinite storie scritte, ha anche avuto modo di vedere i suoi autori, in quanto il luogo era un punto di incontro per scrittori a cura di Globo. Pertanto, l’infanzia è stata in contatto con nomi come Erico Verissimo e Mario Quintana.

“Lo ero in quel momento. Ero terrorizzato e, allo stesso tempo, ero ipnotizzato, prendendo un libro e avvicinandomi, fingendo di leggere, solo per sentire quello che dicevano. Lì ho imparato a viaggiare e ho avuto l’impressione in questo momento è nata la mia ammirazione per il processo di creazione “, dice. E al momento, è entusiasta dei suoi ricordi e si rende conto che all’età di 75 anni, questa è la prima volta che racconta questa storia in un’intervista.

Le critiche cinematografiche sono emerse anche in gioventù, quando suo fratello Eldo, che lavorava per Varig Communications, ha iniziato a portargli giornali internazionali negli anni ’60. Fu da riviste come il New York Times che Martin – che aveva dominato la lingua inglese a causa dell’obbligo scolastico – iniziò a scoprire registi come Ingmar Bergman e Federico Fellini. Lì c’era il punto centrale della sua storia, che ha riunito due elementi che saranno il suo futuro: il giornale e il cinema.

Irreversibilmente romantico

Un maniaco del lavoro impegnato, Merten porta con sé ricordi che di solito mescolano vita personale e professionale – dopotutto, per lui, chiunque lavori con ciò che ama, vacanze e servizio sono praticamente sinonimi. Tanto è vero che nella maggior parte dei suoi viaggi per coprire eventi cinematografici in tutto il mondo, era sempre desideroso di organizzare il tempo per poter viaggiare attraverso le città che stava visitando. E così la vita e i film diventano una cosa sola.

In effetti, è una delle storie più importanti che meritano una commedia romantica. Ha incontrato Dries Bettencourt mentre era ancora alla School of Architecture. Ed è stato a prima vista. Presto sono usciti e si sono sposati in passato e tutto il resto, e poi si sono separati. Dopo un po ‘, entrambi ripresero, si risposarono come richiesto dal costume, e poi si separarono di nuovo. Il giornalista racconta questa storia con risate e passione alla sua ex compagna, la quale, sebbene non sia più moglie, resta una splendida amica. Insieme, tra l’andare e il venire per quell’amore, hanno avuto una figlia, Lcia, che ha 38 anni.

Vivere da solo nella capitale di San Paolo, Mertin, in una giornata normale – cioè senza pandemia – passa tra la redazione e il cinema. Attualmente sta di più a casa, ascoltando le samba di Teresa Cristina o Tango Astor Piazzolla, o circondato dai tanti libri e riviste che si accumulano, quasi compulsivamente, nei suoi innumerevoli viaggi. Ogni tanto riscopre alcuni oggetti da collezione che non ha mai letto prima ed è sorpreso da queste storie.

E a proposito di storie, uno dei più grandi critici cinematografici della nazione ha “I fratelli di Rocco E. Seo”, del 1960, il film preferito. E, naturalmente, la storia d’amore intrinseca di Martin ha qualcosa a che fare con questo. Nella storia del cinema italiano, può vedere spinto da un’aspettativa di cambiamento sociale nel mondo. Sebbene questa promessa non sia stata mantenuta, vede nella produzione, attualmente, un realismo fantastico, ma questo lascia sempre un barlume di speranza ad ogni visita di ritorno al classico. Conclude dicendo: “Mi piace credere nelle persone e che possono succedere cose belle. Sono un giornalista, un critico cinematografico e, soprattutto, un romantico che non si può curare”.

READ  Scopri l'attrazione che sostituirà Domingão do Faustão nel 2022